Si è chiuso con una raccolta di 1,3 milioni di euro il round di Acadèmia.tv, piattaforma italiana di corsi di cucina online. La raccolta è stata trainata dai lead investor Umberto Bottesini, Sandro Moretti, Niccolò Giustiniani e Marco Caradonna. I quattro manager esperti del settore marketing digitale hanno deciso di investire nella piattaforma un totale di un milione di euro.

Come spiegato in una nota stampa, i fondi raccolti serviranno principalmente ad ampliare le offerte di Acadèmia.tv, ad introdurre nuovi corsi dedicati al settore nutrizione & benessere e ad accrescere l’awareness del brand.

Per la startup l’operazione è stata seguita da Raffaella Di Donna, responsabile finance, e da Nicolò Zambello, ceo e founder di Acadèmia.tv e anche di Chef in Camicia.

Academia Tv
Il team di Acadèmia Tv

Acadèmia.tv punta a 2 milioni di fatturato nel 2023

Nata a marzo 2020, la piattaforma Acadèmia.tv fa oggi parte di OneDay Group, si rivolge a tutti gli appassionati di food&beverage, dai principianti ai più esperti, con un’offerta di corsi variegata ed eterogenea.

Presenta più di 70 corsi che spaziano dalla pasticceria alla panificazione, dalla cucina sostenibile alla cucina orientale. Con il suo servizio streaming on demand, i corsi di Acadèmia.tv si possono seguire in ogni momento, sia da sito web che da app.

Nel 2022 più di 120mila persone hanno scelto Acadèmia.tv, seguendo le lezioni tenute da personalità di spicco in ambito enogastronomico, del calibro di Iginio Massari, Ernst Knam, Gabriele Bonci e Davide Oldani. La piattaforma registra un incremento annuo di +120% di visualizzazioni e ha l’obiettivo di raggiungere per il 2023 i 2 milioni di euro di fatturato.

Gli advisor

Per questo round di finanziamento, Acadèmia.tv è stata assistita dallo studio Russo de Rosa Associati, con gli avvocati Andrea De Panfilis e Valentina Colonna a supporto.

Giovannelli e Associati, con un team composto da Gianvittorio Giroletti Angeli e Francesca di Lorenzo, ha assistito i lead investors.

Gli aspetti notarili dell’operazione sono stati seguiti dal notaio Lorenzo Stucchi di RS Notai.

Lascia un commento

Related Post