Hines inaugura la prima residenza universitaria italiana in stile internazionale. Realizzata tramite il brand di student housing Aparto, di proprietà al 100% del gruppo guidato in Italia da Mario Abbadessa, con Blue Noble, investment manager immobiliare, e in collaborazione con il Comune di Milano, la struttura – Aparto Milan Giovenale – si estende su un’area di 16mila metri quadrati, conta 600 posti letto e punta a essere il primo di una serie di progetti di studentati realizzati da Hines, per un investimento, ha spiegato Abbadessa in conferenza stampa, di 100 milioni di euro e un rendimento che si aggirerebbe attorno al 4,75%. Presenti all’evento anche il vicesindaco Anna Scavuzzo, l’assessora Alessia Cappelli e il rettore dell’Università Bocconi Gianmario Verona.

Il sito, nato dalla riqualificazione dell’ex deposito dei grandi magazzini de La Rinascente, è situato in una zona molto ambita tra via Giovenale e via Col Moschin, a pochissima distanza dall’Università Bocconi e agli studenti sono offerti servizi e spazi comuni fra cui una palestra con attrezzature Technogym, studio yoga, servizi di lavanderia, cinema, sale giochi e spazi esterni attrezzati. A oggi Aparto Milan Giovenale ha accolto circa 400 studenti internazionali a partire da gennaio 2022 ed entro l’inizio dell’anno accademico, a settembre, si prevede che raggiungerà i 600 ospiti.

“Il progetto di sviluppo dell’immobile ci consente di presentare alla città un edificio moderno, sostenibile in grado di arricchire il tessuto sociale poichè incubatore di talenti – ha detto Abbadessa. Si parla spesso di Esg ma senza poi entrare nel concreto. Noi ce l’abbiamo messa tutta”. E a tal proposito, fra le altre cose, l’edificio ospita sulla terrazza gli alveari di Apicolturaurbana.it, contribuendo alla salvaguardia della biodiversità cittadina.

 

 

Il rapporto con la città

La scelta di Milano non è casuale. “Milano è il centro universitario internazionale d’Italia”, ha detto Abbadessa. In città ci sono quasi 210mila iscritti nei vari atenei milanesi nell’anno 2020/2021 e secondo la classifica stilata dal Financial Times, tra le 50 migliori corsi universitari al mondo, c’è proprio quello di Sda Bocconi school of management posizionato al settimo posto. L’università italiana è anche tra le prime cinque per rapporto qualità-prezzo, pertinenza delle competenze acquisite e qualità del feedback dei partecipanti. Inoltre, un importante supporto è arrivato dal comune di Milano in una “partnership virtuosa tra privato, comune e sovrintendenza che non si vede in altre città italiane ma che speriamo possa essere un esempio”.

Il tipo di collaborazione la spiega l’avvocato Guido Inzaghi, partner dello studio Belvedere Inzaghi & Partners che ha lavorato nel progetto: “Il comune – spiega l’avvocato – ha consentito di estendere l’area edificabile del sito che inizialmente era di 6mila metri quadrati a 18mila considerando il tipo di struttura realizzata: uno studentato può infatti essere considerato un servizio privato ma di interesse generale e grazie a questa classificazione si è potuto ampliare l’area”. Questo interesse generale significa poi una vera accessibilità della struttura, i cui prezzi vanno dai 400 euro per una stanza tutto compreso fino ai 1200 euro per un appartamento.

Il prossimo in Ripamonti

Per la Hines di Abbadessa questo è uno dei tanti investimenti realizzati in Italia e il primo studentato. A dicembre infatti il ceo inaugurerà Aparto Ripamonti, sempre a Milano, mentre è a lavoro sull’area dell’ex Trotto a San Siro, 15mila mq di complesso residenziale, sul nuovo studentato in zona Bovisa, e sulla riqualificazione di Milanosesto, l’ex area Falck ridisegnata come super quartiere green. Proprio a inizio settimana, inoltre, Hines ha annunciato l’acquisto della ex sede di Deloitte, in via Tortona, che diventerà un office campus.

Ma non solo Milano, il gruppo sta lavorando alla realizzazione di un nuovo studentato di 16mila metri quadrati nell’area ex Manifattura Tabacchi a Firenze e quest’anno punta a sbarcare a Roma, dove aprirà un ufficio e punterà a costruire anche lì una student house all’avanguardia. Nel complesso Hines, che conta 90 miliardi di asset in gestione, ha investito in Itlaia un miliardo all’anno per cinque anni e anche quest’anno, il sesto, dovrebbe confermare il trend.

Gli advisor

Aparto Milan Giovenale, di proprietà del Fondo “Living 2.0”, è gestito da Savills Investment Management sgr e investito da Hines. A finanziare l’operazione è stata Unicredit quale unica banca, con il team di Lorenzo Vianello. Lato legale ha lavorato all’operazione lo studio Belvedere Inzaghi & Partners, con un team guidato dall’avvocato Guido Inzaghi.

Lascia un commento

Articolo correlato