Sicura, azienda che opera nel settore dei servizi per la salute, sicurezza e benessere del lavoratore sul luogo di lavoro, annuncia l’ingresso nel Gruppo di Cds Diagnostica Strumentale, specializzata nella medicina del lavoro, dello sport e nella formazione.

Sicura è controllata dal fondo di private equity Argos Wityu dal febbraio 2020, mentre i soci di riferimento di Cds sono Maurizio Casasco e Luigi Mori, entrambi medici che hanno sviluppato la società da oltre 25 anni.

Sicura, pre-operazione chiuderà il 2023 con un fatturato previsto di circa 80 milioni a cui il Gruppo Cds apporterà ulteriori 12 milioni. L’Ebitda 2023 consolidato di gruppo atteso è di 18 milioni. L’operazione di aggregazione consentirà a Sicura di crescere nel mercato italiano dei servizi e competenze nell’ambito della medicina del lavoro, e a Cds di fare parte della realtà italiana attiva nel settore di salute e sicurezza. Questo passaggio strategico rafforzerà l’impegno di CDS nel fornire servizi d’eccellenza, proseguendo il suo cammino di crescita organica e sviluppo nel settore.

Cosa cambia all’interno di Sicura

Maurizio Casasco e Luigi Mori manterranno invariate le attuali cariche e funzioni svolte in Cds, al fine di garantire integrazione e continuità nel percorso di crescita. Entrambi entreranno a far parte della compagine societaria di Sicura: Casasco oltre a entrare nel Consiglio di amministrazione della capogruppo Sicura presieduto da Paolo Scaroni e diretto dall’amministratore delegato Lamberto Cuppini, assumerà anche la carica di vicepresidente.

“Gruppo Sicura si presenta come un’importante acquisizione strategica in cui l’esperienza dei nuovi soci sarà cruciale per affrontare con successo il percorso che ci porterà alla leadership sul mercato dei servizi per la salute e sicurezza nel mondo del lavoro”, ha commentato Andrea Pavesi, partner di Argos.

Gli advisor

Nell’operazione, Sicura è stata assistita dallo Studio Legale Giovannelli e Associati mentre Cds è stata assistita dallo Studio Legale Grande Stevens, da Vitale & Co e dallo Studio Corno Franchini.

Lascia un commento

Related Post