Atlante, la società del gruppo Nhoa e dedicata alla rete di ricarica rapida e ultra-rapida per veicoli elettrici, è stata selezionata per la terza volta dall’Unione Europea nell’ambito del programma Afif a sostegno dell’infrastruttura di trasporto europea per un contributo di 17,2 milioni di euro.

Il finanziamento verrà utilizzato per supportare il progetto AtlanteHit, che prevede l’installazione di oltre 700 posti auto elettrificati, distribuiti in 44 stazioni di ricarica rapida, di cui 32 per auto e furgoni e 12 per veicoli pesanti, come camion, autobus e pullman.

Il progetto Atlantehit è stato supportato da Cassa Depositi e Prestiti in qualità di implementing partner italiano, che conferma il suo ruolo di facilitatore dell’accesso alle risorse e alle opportunità di sviluppo europee e di finanziatore a sostegno di progetti di sviluppo infrastrutturale sostenibile.

Unitamente ai 23 milioni ricevuti nel 2022, nell’ambito del secondo bando dello stesso programma, e al finanziamento di 49,9 milioni ottenuto con il quarto bando nel 2023, Atlante arriva quindi, con questo quinto bando, ad un totale di circa 90 milioni di finanziamento. La selezione è stata approvata dagli Stati membri dell’Unione Europea e dalla Commissione Europea.

Il progetto di Atlante

Come indicato con l’Amendment to the 2022 Universal Registration Document, i 17,2 milioni provenienti dall’Unione Europea contribuiscono alla realizzazione di uno dei presupposti del piano di finanziamento per l’obiettivo di Atlante di 22mila punti di ricarica entro il 2030, che prevede il 30% degli investimenti annuali finanziati tramite contributi e programmi di finanziamento pubblico.

Ogni nuovo hub di ricarica Atlante, situato lungo la rete stradale transeuropea di trasporto, avrà 12 o 24 punti di ricarica se dedicato ai veicoli leggeri, otto punti di ricarica se dedicato ai veicoli pesanti, rendendo la rete di ricarica di Atlante un’aggiunta altamente strategica nel panorama dei veicoli elettrici in Italia, che attualmente conta una limitata infrastruttura di ricarica rapida.

Inoltre, introducendo hub di ricarica rapida dedicati agli e-Truck, Atlante si rivolge anche al segmento ad alta emissione dei veicoli pesanti e compie un passo avanti cruciale verso la decarbonizzazione dei trasporti nel Sud Europa.

Tutti gli hub di ricarica di Atlante saranno alimentati da energia rinnovabile al 100% e modulari nella progettazione, permettendo flessibilità e scalabilità. Ogni stazione sarà dotata di sistemi d’accumulo d’energia in loco o sarà facilmente adattabile per integrarli in seguito, assicurando una gestione efficiente della ricarica nelle ore di punta. Inoltre, le stazioni sfrutteranno la produzione di energia solare sul posto o delocalizzata. Una volta ultimati, tutti i punti di ricarica si integreranno completamente con le reti nazionali, formando una delle più grandi Virtual Power Plant a livello globale.

Lascia un commento

Related Post