Aussafer Due, azienda friulana attivo nella lavorazione dei metalli ad alta tecnologia, da dicembre 2020 nel portafoglio di 21 Invest, gruppo di investimento europeo fondato e guidato da Alessandro Benetton, ha acquisito di Laserjet, azienda veneta attiva nello stesso settore. La famiglia Fraron manterrà una quota del capitale di Laserjet e parteciperà alla prossima fase di sviluppo industriale, con il ruolo di amministratore delegato di Laserjet assunto da Katuscia Fraron.

Si tratta della seconda acquisizione di Aussafer – di cui l’amministratore delegato è Giacomo Citossi -, che va ad aggiungersi a quella di Ramo, azienda friulana specializzata nello stampaggio a freddo e nel taglio laser, realizzata a settembre 2021, costituendo così il primo polo italiano della lavorazione dell’acciaio.

L’aggregazione delle competenze e della visione di due aziende in passato rivali e di due famiglie pioniere del settore, sotto la regia di 21 Invest e del presidente e fondatore Alessandro Benetton (nella foto) -, porta alla creazione del gruppo più importante in Italia e di un player di riferimento a livello europeo per dimensione, gamma di servizi e tecnologie, con un fatturato atteso di 100 milioni di euro nel 2022 e 400 dipendenti.

I player

Aussafer, guidata dalla famiglia Citossi con sede a San Giorgio di Nogaro in provincia di Udine, è specializzata nelle lavorazioni dei metalli ad alta tecnologia, con il reparto di taglio laser più grande d’Italia e reparti strutturati di punzonatura, pressopiegatura e pannellatura per applicazioni in svariati settori industriali, con un focus sull’elettromeccanica e prototipazione di motori elettrici, anche destinati al futuro della mobilità sostenibile.

Laserjet, storica azienda veneta fondata da Lino e Ivo Fraron con sede a Poiana Maggiore in provincia di Vicenza, è attiva da oltre 40 anni nella lavorazione dell’acciaio. La società è in grado di seguire il cliente dal co-design fino alla realizzazione del prodotto finito, grazie al know-how sulle lavorazioni di saldatura particolarmente complesse (sia manuale che robotizzata) e avvalendosi di impianti innovativi e ad alto valore tecnologico. Laserjet impiega circa 200 dipendenti in oltre 50 mila metri quadri coperti.

Gli advisor

Aussafer è stata assistita per gli aspetti legali e societari da studio Cappelli Rccd, da Kpmg per la financial due diligence, da Roland Berger per la business due diligence, da studio Molaro-Pezzetta-Romanelli-Del Fabbro & Partners di Udine per l’attività di coordinamento e per la tax due diligence, da Kroll per la due diligence tecnica e da Luca Nicodemi dello studio Redaelli & Associati in qualità di financial advisor.

Laserjet è stata assistita da Adacta in qualità di financial advisor e da studio Gianni & Origoni per gli aspetti legali e societari. Per Adacta Advisory ha agito un team team composto dal partner Paolo Masotti, dal manager Alberto Ferracina e dal senior consultant Roberto Masiero. Mentre per Gop hanno operato gli avvocati Giacomo Sartor e Giancarlo Donativi, coadiuvati dal dottor Achille Boaretto.

Lascia un commento

Related Post