Bbva torna a valutare un’acquisizione della banca rivale Sabadell. Aspettando il risiko bancario, quello italiano, la Spagna indica la via e torna così d’attualità una trattativa che già aveva fatto parlare di sé in passato. In una nota, l’istituto catalano ha confermato di aver ricevuto una proposta preliminare da parte della banca basca, confermando così le prime anticipazioni fornite dal network internazionale Sky News: l’offerta dovrebbe aggirarsi attorno ai 12 miliardi di euro, circa 12,83 miliardi di dollari.

Anche Bbva ha chiarito, successivamente e sempre in una nota, di aver informato il board di Sabadell del proprio interesse ad avviare trattative per una fusione, e di aver proceduto a nominare degli advisor.

I primi contatti risalgono a novembre 2020, mese in cui Pfizer ha annunciato il vaccino contro il Covid 19. Le due parti avevano interrotto i colloqui in mancanza di un accordo sui termini di una fusione, incluso il prezzo. Le divergenze riguardavano in particolare il valore della britannica Tsb, acquisita da Sabadell nel 2015 per 1,7 miliardi di sterline, come confermato anche l’agenzia di stampa Reuters.

Bbva, offerta a Sabadell. Ecco gli advisor

Stavolta però le trattative potrebbero essere in fase avanzata. Sabadell si sarebbe rivolta a Morgan Stanley e Goldman Sachs per una consulenza sulle opzioni da adottare dopo l’offerta di acquisizione di Bbva. Che in settimana ha dichiarato di essersi avvicinata alla sua rivale più piccola con un’offerta di acquisto di tutte le azioni.

Se l’operazione andasse in porto, si tratterebbe della fusione tra il secondo e il quarto istituto di credito spagnolo e darebbe vita alla seconda banca europea per capitalizzazione. La capitalizzazione di Bbva, pari a 63,6 miliardi di euro si confronta con i 9,4 miliardi di Sabadell.

Reazione del mercato

Sull’Ibex di Madrid forte volatilità sui titoli. Per l’istituto catalano subito un +6% nei primi minuti di scambi, poi salito a +8% per poi chiudere la seduta con un +3,5%. Vendite invece sul gruppo basco, con un rosso del -3,7%.

Il possibile risiko spagnolo ha spinto anche il comparto bancario italiano: Mps ha guadagnato più del 5% mentre Intesa Sanpaolo è cresciuta del +1,7%.

Lascia un commento

Related Post