Pai Partners, società di private equity, ha rilevato da Bluegem, private equity focalizzata su beni di consumo di base non discrezionali, una partecipazione di maggioranza in Beautynova. L’acquisizione sarà effettuata tramite il fondo Pai dedicato alle opportunità del mercato medio, Pai Mid-Market Fund.

Al termine dell’operazione, Pai sarà l’azionista di maggioranza e deterrà una partecipazione di controllo, con Bluegem che manterrà una partecipazione significativa insieme a un sindacato di co-investitori Bluegem.

Beautynova, un po’ di storia

Beautynova possiede un portafoglio premium di marchi, tra cui milk_shake, z.one concept e Medavita. È anche uno sviluppatore di prodotti professionali per la cura dei capelli per il trattamento, la colorazione e lo styling dei capelli, con oltre 18mila formule. Beautynova esporta in più di 70 paesi, generando il 70% del fatturato fuori dall’Italia, principalmente negli Stati Uniti ( che oggi generano il 18% delle vendite della società) e in Europa, attraverso canali professionali e consumer. Sotto la proprietà di Bluegem dal 2020, Beautynova si è evoluta in una piattaforma specializzata nella cura dei capelli professionale.

Pai, insieme a Bluegem, supporterà Beautynova e il suo team di gestione nel raggiungimento della sua strategia di crescita volta a sviluppare ulteriormente i suoi marchi. Pai che sin dall’inizio ha completato 38 acquisizioni nel settore Food & Consumer, attingerà alla sua significativa esperienza nel settore per aiutare Beautynova a continuare ad adattarsi all’evoluzione delle tendenze dei consumatori.

André Pichler, managing director e co-head corporate finance Italy di Houlihan Lokey

Gli advisor nell’operazione Pai Partners

Bluegem è stata assistita da Houlihan Lokey , in qualità di lead financial advisor, con un team composto da André Pichler, managing director, co-head corporate finance, Italy, Emilio Pestarino, senior vice president, Andrea Ghittino, associate e Gianpaolo Sforzin, analyst. Tra gli advisor di Bluegem ci sono anche Erm, Latham & Watkins con un team corporate guidato dai partner Cataldo Piccarreta e Giorgia Lugli con le associate Maria Giulia De Cesari e Valeria Fiormonti, i trainee Alessandra Stabilini e Andrea Grassi e il partner Cesare Milani, che ha seguito i profili regolamentari dell’operazione, e PedersoliGattai per gli aspetti tax, con un team guidato dal partner Cristiano Garbarini e composto dal senior counsel Alban Zaimaj, dalla counsel Valentina Buzzi e dall’associate Gaia Baroni.

BlueGem è stata supportata da PwC Advisory nell’attività di vendor due diligence con un team multidisciplinare guidato dalla  partner Elena Borghi e composto da Quiroga Toledo (senior manager), Marco de Pieri (manager) e Alessandro Caroli (senior associate) per la due diligence finanziaria, dal partner Francesco Terenzi e Davide Azimonti (manager)per aspetti di data analytics, e da Max Lehmann (partner), Michele Biscaglia (director) e Sabrina Bassani (manager) per la due diligence operational. L’assistenza Spa è stata seguita dal partner Vincenzo di Fani e Giorgia Galleni (manager), mentre la partner Stefanie Lierheimer e Tommaso Paternó (manager) hanno lavorato sugli aspetti Ifr.

Bper Corporate & Investment Banking ha agito come sell side advisor di Beautynova e Bluegem Capital Partners con Daniele Moscato e Stefano Pavesi. Bper ha anche agito da banca finanziatrice con un team composto da Michele Fracassini, Giuseppe Coraggio, Stefano Mattioli, Daniele Andreoni.

Pai Partners è stata assistita da Raymond James, Banca Akros Banco Bpm, Unicredit, White & Case, PwC TLS, Latham & Watkins, Willkie Farr & Gallagher e Ramboll. Beautynova è stata assistita da Alvarez & Marsal e Boston Consulting Group. Anche New Deal Advisors ha assistito Pai Partners, occupandosi della financial due diligence con un team guidato dal partner Antonio Ficetti Gasco.

White & Case ha assistito Pai Partners con un team guidato dai partner Michael Immordino e Leonardo Graffi (entrambi degli uffici di Londra e Milano), supportato dal partner Alessandro Seganfreddo (ufficio di Milano) e dagli associati Valerio Bianchi, Stefania Maracich e Vincenzo Ferrini (tutti dell’ufficio di Milano).

Lascia un commento

Related Post