Marina e Pier Silvio Berlusconi al comando. Come previsto, questo è il nuovo assetto della famiglia dopo il via libera al testamento da parte dei figli dell’ex Cavaliere. “Siamo in totale armonia. Accettiamo l’eredità senza riserbo” fanno sapere i cinque tra fratelli e sorelle Berlusconi (leggi qui la top 5 delle famiglie più ricche d’Italia). Tre mesi dopo l’inizio dei lavori per la stesura completa del testamento, era il 12 giugno scorso, il patrimonio del padre ora è definitivamente passato di mano.

Valore complessivo: 5 miliardi di euro. Forse anche qualcosa di più. Il 53% di tutto quanto appartiene d’ora in avanti a Pier Silvio e Marina, assistiti dagli avvocati Carlo Rimini e Ugo Molinari. Il restante 47% risulta di proprietà di Barbara, Eleonora e Luigi. Con clausola: per cinque anni nessuno di loro potrà vendere quote, né modificarle nelle proprie holding e, conseguentemente, in Fininvest.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Dealflower (@dealflower_news)

Berlusconi: 5 miliardi di patrimonio tra società quotate e investimenti immobiliari

In cosa consistono questi cinque miliardi? Società quotate, investimenti immobiliari tra la holding Dolcedrago, yacht e opere d’arte (valore stimato complessivo dell’immobiliare: 700 milioni), titoli e ovviamente liquidità. Si diceva di Fininvest, la fetta più grossa, circa 2,8 miliardi di capitalizzazione in Borsa. Che aumentano, diventando 4 milioni, se si considerano le due società partecipate da Mediaset, ovverosia Ei Towers (40%) e Prosieben (30%).

La holding fondata da Silvio Berlusconi detiene il 48,6% di Mfe-Mediaset (blindata con circa il 50% dei diritti di voto), il 53,3% di Mondadori e il 30% di Banca Mediolanum. 

Non è finita. C’è il dossier che, da quanto trapela, avrebbe la priorità più incombente, ovverosia l’Ac Monza, l’ultimo grande investimento di Silvio Berlusconi. Di recente l’amministratore delegato Adriano Galliani e storico braccio destro dell’ex premier ha escluso timidamente ogni trattativa di cessione, per poi nascondersi dietro le parole: “E comunque di questo io non parlo”. Stando però ad ambienti vicini al club brianzolo di serie A, l’idea è proprio quella di vendere la società (qui alcuni dei rumors sui possibili acquirenti).

Pier Silvio e Marina al comando. Ma ci sono i “lasciti”

Tornando al patrimonio e all’eredità dei figli di Berlusconi, tutti e cinque i figli dovranno inoltre pagare, in proporzione alla ripartizione del patrimonio, un totale di 230 milioni di euro previsti per Paolo Berlusconi (100 milioni), Marta Fascina (100 milioni) e Marcello Dell’Utri (30 milioni). Pier Silvio e Marina contribuiranno per il 26% ciascuno con 60 milioni a testa. Barbara, Luigi ed Eleonora per il 16%, per un totale di 37 milioni a testa.

“Marina, Pier Silvio, Barbara, Eleonora e Luigi Berlusconi rendono noto di aver accettato l’eredità di loro padre, interpretandone le ultime volontà in totale armonia per onorarne la memoria con profonda gratitudine, ispirandosi alla sua immensa generosità -recita così la nota della famiglia Berlusconi-. Che poi continua: “Per effetto di tale accettazione, Marina e Pier Silvio Berlusconi assumono congiuntamente il controllo indiretto su Fininvest Spa, assicurandone con chiarezza la stabilità e la continuità gestionale”.

Movimenti di mercato

Mfe Mediaset ha concluso la seduta odierna con un ribasso del 2,7%. Rosso anche per Mondadori: -1,1% mentre ha chiuso sopra la parità Banca Mediolanum: +0,12%.

Lascia un commento

Related Post