Res, Recupero Etico Sostenibile, da oltre 30 anni nel settore della circular economy e della sostenibilità ambientale, quotata sul mercato Egm, ha siglato un contratto con Bluealp, provider olandese che ha brevettato una tecnologia affermata per il riciclo chimico della plastica.

Insieme realizzeranno un nuovo impianto all’avanguardia, il primo in Italia per dimensione e capacità produttiva di riciclo di rifiuti plastici misti attraverso la pirolisi. Il ruolo di BlueAlp sarà quello di fornire la tecnologia brevettata in 10 anni di presenza sul mercato e l’impianto industriale sarà realizzato a Pettoranello, in provincia di Isernia.

Res e Bluealp in Molise: il nuovo impianto operativo entro il primo semestre 2026

I lavori inizieranno nel mese di maggio e l’impianto sarà completamente operativo entro il primo semestre 2026, in linea con quanto dichiarato in sede di Ipo e gli obiettivi del Pnrr. Occuperà una ventina di addetti per un investimento stimato in circa 20 milioni di euro.

L’impianto di pirolisi completa il processo di trasformazione delle plastiche consentendo di utilizzarle come materie prime vergini nelle industrie plastiche, chimiche e petrolchimiche, realizzando così il vero valore aggiunto dell’economia circolare: l’eliminazione degli sprechi e la riduzione dell’impronta ecologica.

Il nuovo impianto produttivo impiegherà circa 20 lavoratori e sarà in grado di gestire fino a 20 mila tonnellate all’anno di materiale in ingresso, con una capacità produttiva prevista di 15 mila tonnellate all’anno di materiale in uscita, con una resa di gran lunga maggiore rispetto al progetto originario presentato agli investitori in sede di IPO.

L’esperienza di BlueAlp nel riciclo chimico della plastica

BlueAlp, provider olandese che ha brevettato una tecnologia affermata per il riciclo chimico della plastica, ha costruito un impianto su scala industriale in Belgio, a Ostenda, per Renasci, ed è tra i pionieri della circular economy nel paese.

“Il nostro obiettivo è quello di dare ai clienti di tutto il mondo la possibilità di intraprendere progetti per riciclare la plastica che attualmente viene smaltita in discarica o incenerita” ha detto Valentijn de Neve, Ceo di BlueAlp.

 

Lascia un commento

Related Post