Cdp Equity (Cdpe) ha annunciato che entrerà nel capitale di Gpi, operatore a capitale di riferimento italiano attivo nel settore della sanità digitale. La società è quotata sul mercato Euronext Milan di Borsa Italiana e si occupa di prodotti e servizi tecnologici (software e Ict), di servizi gestionali e amministrativi in outsourcing (servizi di Cup, contact center, gestione diretta di front-end e back-office) e di progetti di telemedicina.

Un investimento da 70 milioni per Cdpe

L’operazione, che si svolge nel contesto di un aumento del capitale sociale di Gpi per un importo complessivo di 140 milioni di euro, vede Cdpe sottoscrivere una tranche pari a 70 milioni.

A completamento del deal Cdpe deterrà una partecipazione non inferiore al 17% del capitale sociale di Gpi.

È inoltre previsto il coinvolgimento, in qualità di sottoscrittori delle restanti tranche dell’aumento di capitale, dell’attuale azionista di controllo Fm, holding che fa riferimento all’attuale presidente e ad di Gpi, Fausto Manzana (nella foto), e di altri investitori istituzionali secondo il principio del crowding-in.

L’operazione si perfezionerà secondo i tempi richiesti per l’ottenimento delle necessarie approvazioni regolamentari e ha l’obiettivo di sostenere la strategia di investimento di Gpi volta ad accelerare il processo di digitalizzazione della sanità italiana.

La strategia di Cdp

Per il gruppo Cdp l’investimento è coerente con quanto indicato dal Piano Strategico 2022-2024, sia in termini di sostegno a settori chiave per lo sviluppo del Paese sia in termini di rotazione del portafoglio di partecipazioni.

L’operazione di Cdpe, inoltre, è coerente con gli obiettivi previsti dalla cosiddetta missione sanità del Pnrr, che destina otto miliardi alla sanità digitale.

Gli advisor

La società è stata assistita da Pavia e Ansaldo per tutti gli aspetti legali dell’operazione con un team composto dai partner Vittorio Loi e Paolo Lupini, dal counsel Fabio Lui e dallo junior associate Daniele Forcella e da Unicredit quale consulente finanziario esclusivo. Intermonte Sim ha invece agito in qualità di Ecm advisor per l’aumento di capitale.

Nella medesima operazione Cdp Equity è stata assistita da un team di Chiomenti guidato da Francesco Tedeschini e Renato Genovese per i profili societari e Federico Amoroso per profili del mercato dei capitali, insieme al senior associate Enrico Bizzarri e agli associate Laura Papi, Francesca Zimmardi e Francesca Salvatore.

Per Unicredit ha agito un team composto dai professionisti Luisella Altare, Simona Gastaldello, Romano Negrisoli, Walter Gislimberti, Pietro Rey, Claudio Morandi, Gabriele Silva, Francesco Riva, Giacomo Pagnani, Stefania Godoli e Giuliana Porta.

Cdp Equity è stata assistita da Equita in qualità di financial advisor con un team di m&a advisory. Equita ha anche agito in qualità di Ecm advisor di Cdp Equity con un team di Equity Capital Markets nell’aumento di capitale.

Lascia un commento

Related Post