QuattroR, fondo di private equity che promuove lo sviluppo di imprese italiane di medio-grandi dimensioni, ed il Consorzio Casalasco del Pomodoro (CCdP), attivo in Italia nella coltivazione, lavorazione e distribuzione del pomodoro da industria, hanno finalizzato un importante accordo di investimento di 100 milioni di euro su un progetto del pomodoro Made In Italy.

L’operazione 

L’operazione verrà realizzata attraverso la costituzione di una Newco, CASALASCO S.p.A., partecipata per il 51% dalla parte agricola attraverso la cooperativa e la CCDP Holding e per il restante 49% dal fondo QuattroR, a seguito di un investimento di 100 milioni di Euro interamente sottoscritto da QuattroR. In ottica di continuità, gli azionisti confermano l’attuale management team guidato dal Direttore Generale, Costantino Vaia.

Attualmente Casalasco conta circa 550 aziende agricole conferenti che coltivano 7.000 ettari di terreno localizzati tra le province di Piacenza, Cremona, Parma e Mantova. Oltre all’attività di co-packing per i più importanti gruppi internazionali del food, il Consorzio è proprietario dei brands Pomì e De Rica ed è presente in oltre 60 Paesi al mondo. Consorzio Casalasco si contraddistingue per una crescita costante del fatturato, che nel 2020 ha toccato 338 milioni di euro.

I commenti 

Costantino Vaia, DG del Consorzio Casalasco del Pomodoro (nella foto), ha commentato che “la scelta di condividere il progetto con il fondo italiano QuattroR,  dotato di importanti competenze manageriali, si basa, oltre che su obiettivi legati al business, sulla condivisione di valori fondamentali su cui il Consorzio Casalasco ha costruito la propria filosofia di crescita.”

Paolo Voltini, presidente del Consorzio Casalasco del Pomodoro, evidenzia invece come questa operazione sia “un’ulteriore dimostrazione di lungimiranza e apertura al cambiamento da parte di una filiera agricola di eccellenza che punta a svolgere un ruolo da protagonista sui mercati internazionali.

Francesco Conte, Amministratore Delegato di QuattroR SGR, ha aggiunto: “L’investimento nel Consorzio Casalasco del Pomodoro rientra perfettamente nella nostra filosofia di supportare e valorizzare aziende leader in un settore strategico e rappresentativo del sistema Paese, che già vede l’Italia al secondo posto nella produzione di pomodoro a livello globale”.

Gli advisor 

Nell’operazione, QuattroR è stata assistita da Bain&Co, KPMG e dallo studio Gatti Pavesi Bianchi Ludovici.

Il Consorzio Casalasco è stato supportato da Vitale&Co e dallo Studio Talea-Tax Legal Advisory.

Per Vitale hanno lavorato sul deal Alberto Gennarini, Valentina Salari, Magda Pellecchia e Enrico Zito.

Talea ha assistito Casalasco con un team formato dai Partner Sergio Pellone e Gabriele Consiglio, ed il salary Fabrizio Lanzoni.

Lascia un commento

Ultime News