Anthilia Capital Partners Sgr annuncia il primo investimento del fondo di special situation Anthilia Gap tramite l’erogazione di un finanziamento di 15 milioni di euro per il rilancio di Conbipel, noto marchio italiano del settore moda, recentemente rilevato da Retail and Brands, società partecipata dalla inglese Eapparels Ltd e Invitalia S.p.A.

Il finanziamento (scadenza giugno 2029) -assistito da garanzia Sace SupportItalia– rappresenta la prima operazione del fondo Anthilia Gap, istituito a fine 2022, grazie all’intervento di Patrimonio Rilancio per il tramite di Cassa Depositi e Prestiti, Banco di Desio e della Brianza e un gruppo di primari investitori istituzionali, con l’obiettivo di sostenere la crescita delle imprese italiane ad alto potenziale in fase di “transizione” (ovvero ristrutturazioni interne, rilancio e investimenti di transizione, così come passaggi generazionali e situazioni di crescita straordinaria), caratterizzate da difficoltà di accesso ai canali di credito tradizionali.

Con Anthilia Gap, fondo di capitale ibrido, la Sgr, attiva nel segmento del private debt con oltre 800 milioni di euro investiti nelle Pmi domestiche, propone un nuovo strumento di sostegno all’economia reale, integrando ulteriormente la propria gamma di prodotti di investimenti alternativi.

Ecco come avverrà il rilancio di Conbipel

L’operazione a favore di Conbipel consentirà alla società di accelerare lo sviluppo del proprio piano industriale, favorendo le iniziative strategiche previste per il rilancio. Nello specifico, il piano si fonda sulla valorizzazione dei principali punti vendita e un’espansione dell’e-commerce attraverso lo sviluppo delle vendite sui marketplace, in modo da consentire l’accesso ai mercati europei, oltre all’incremento del fatturato tramite il canale online diretto.

Il progetto mira, inoltre, ad un miglioramento della marginalità complessiva e a uno sviluppo del marchio grazie a soluzioni volte alla costruzione di una forte brand identity.

Gli advisor

Gli advisor coinvolti sono stati Pwc per gli aspetti finanziari mentre Lca Studio Legale e Simmons & Simmons hanno curato gli aspetti legali dell’operazione rispettivamente per la società e per Anthilia Capital Partners.

Btx Italian Retail and Brands ha rilevato, nel luglio del 2022, il ramo operativo e il marchio Conbipel dall’amministrazione straordinaria con l’obiettivo di realizzare un significativo piano di rilancio anche grazie all’esperienza nel settore maturata dal socio di riferimento, Eapparels Ltd, e al supporto di Invitalia S.p.A. (che detiene una quota di minoranza qualificata).

Conbipel, fondata nel 1958 a Cocconato (Asti), rappresenta un nome storico dell’abbigliamento made in Italy e vanta un’ampia gamma di prodotti per uomo, donna e bambino. La rete di vendita si articola oggi su oltre 100 negozi monomarca prevalentemente a gestione diretta.

Il commento all’operazione

Barbara Ellero (nella foto), partner e head of private debt di Anthilia Capital Partners Sgr ha commentato l’operazione: “Siamo lieti di annunciare il nostro primo investimento attraverso il fondo Anthilia Gap, volto a sostenere un progetto ambizioso e di valore per il settore della moda italiana. Conbipel gode di significativa capillarità sul territorio e anche per questa ragione riteniamo che il nuovo management, grazie all’esperienza significativa maturata nel settore apparel, possa tracciare la strada per dare nuovo impulso al brand”.

Daniele Colantonio, partner & responsabile sviluppo prodotti di Anthilia Capital Partners Sgr aggiunge: “Nell’attuale contesto di mercato dove il credito alle imprese si fa più rarefatto, emerge sempre di più l’importanza ed il ruolo di operatori specializzati nell’attività di credito a medio-lungo termine. Il fondo Anthilia Gap innova l’attività di private debt tradizionale con forme di impiego ancora più flessibili ed orientate allo sviluppo e rilancio industriale. L’operazione Conbipel coniuga rendimenti molto interessanti per gli investitori ed agisce a supporto del tessuto produttivo del Paese in settori chiave per la nostra economia”.

Lascia un commento

Related Post