Doppietta di acquisti per DeA Capital Real Estate Sgr (nella foto di copertina, l’amministratore delegato Emanuele Caniggia). La società specializzata nei fondi di investimento alternativi immobiliari conclude l’anno con le acquisizioni di un portafoglio da Amundi Real Estate Italia Sgr e di una porzione di circa 6.800 metri quadri del Centro Commerciale Le Fornaci da Covivio.

I deal

Il portafoglio immobiliare, si legge in un comunicato, ha un valore complessivo di 44 milioni ed è composto da quattro asset a destinazione d’uso uffici e un villaggio turistico, il Santo Stefano Resort dell’isola di Santo Stefano, nell’arcipelago della Maddalena, in provincia di Sassari.

Gli immobili a destinazione d’uso uffici sono: via Gadames 57/7 a Milano, via Raffaello Sanzio 5 a Cesano Boscone (Milano), via Fratelli Cervi 2 a Segrate (Milano) e via Alessandro Marchetti 105 a Roma.

L’acquisizione è stata perfezionata per il tramite di un Fia immobiliare di nuova costituzione, sottoscritto da CPI Property Group.

Il centro commerciale parzialente acquisito si trova a Beinasco (Torino). La transazione prevede il passaggio anche della totalità delle quote della società che detiene le connesse licenze commerciali.

L’asset oggetto dell’acquisizione è la Galleria Commerciale, costituita da 36 unità, 100% locate, e rappresenta quasi il 50% delle Fornaci, che conta oltre 70 unità, distribuite prevalentemente al piano terra, con alcune attività commerciali (prevalentemente servizi) anche al primo piano.
All’interno dello shopping center sono presenti importanti tenant, quali Ipercoop, Mediaworld, The Space Cinema e McDonald.

L’acquisizione è stata perfezionata tramite lo stesso Fia sottoscritto da CPI Property Group.

La scheda del gruppo

DeA Capital Real Estate Sgr in Italia ha una quota di mercato superiore al 22.5% dei Fia immobiliari. Gestisce 11,7 miliardi di patrimonio attraverso 55 fondi immobiliari, di cui due quotati nel segmento Miv di Borsa Italiana, una Sicaf e una Siiq. DeA Capital RE ha un patrimonio composto da 770 immobili, il 70% dei quali collocati a Roma e Milano, e conta su circa cento investitori istituzionali italiani e internazionali.

L’advisor legale

Dentons ha seguito la costituzione del Fia e tutti gli aspetti legali e fiscali dell’operazione immobiliare con un team multidisciplinare guidato dal managing partner Federico Sutti, coadiuvato dall’associate Carlotta Soli e dalla trainee Claudiana Barella per gli aspetti real estate, e composto dalla senior counsel Elena Macchi e dalla trainee Enrica Ippolito per gli aspetti urbanistici, nonché dal counsel Matteo Chinaglia e dall’associate Jacopo Rosa per i profili tax. Il partner Alessandro Engst e l’associate Carlotta Riggi hanno seguito la strutturazione, la costituzione e l’avvio del Fia.

Lascia un commento

Related Post