Il 26 luglio sono stati sottoscritti gli accordi per il perfezionamento della riorganizzazione societaria del Gruppo Pelfa di Buja (Udine), fondato nel 1979 da Redento Fabbro e da lui guidato per oltre 40 anni, specializzato nella produzione di impianti, macchine, componenti meccanici ed elettrosaldati destinati a diversi settori industriali (siderurgico, metalmeccanico, delle energie rinnovabili). Il gruppo impiega oltre 100 dipendenti e si occupa del processo produttivo nella sua interezza, dall’acquisizione dell’ordine alla fornitura del prodotto.

I dettagli

L’operazione di riorganizzazione e management buy-out, in parte già perfezionata e in parte da attuarsi all’avveramento di talune condizioni sospensive, consiste nel trasferimento della quota di maggioranza di Pelfa Group e di Lmb dal fondatore Redento Fabbro e dalla figlia Indira Fabbro, ad Andrea Forgiarini, Daniele Fabbro e Alessandro Bertino, i quali da anni affiancavano il fondatore nella gestione delle aziende, anche quali soci.

Il fondatore Redento Fabbro e Indira Fabbro proseguiranno il proprio percorso imprenditoriale in qualità di detentori della quota di maggioranza di Hpg, nata nel 2017 e attiva nel settore della progettazione e fornitura di piccole centrali per la produzione di energia da fonte idroelettrica.

Gli advisor

Motu Novu Studio Legale, con il fondatore Alberto Spangaro, coadiuvato dall’avvocato Enrico Roveroni, ha assistito la famiglia Fabbro per gli aspetti di diritto societario, unitamente all’avvocato Francesca Bisaro dello studio Project Lex per gli aspetti di diritto dell’energia.

Buonocore Galletti Zoppolato Avvocati, con un team coordinato dal socio Andrea Zoppolato, ha assistito gli acquirenti.

L’operazione è stata coordinata per gli aspetti finanziari e fiscali da Massimiliano Pascottini per la famiglia Fabbro e dai dottori commercialisti Giuseppe Varisco e Monica Menis, dello studio Londero, Varisco, Menis e Associati per gli acquirenti.

Lascia un commento

Related Post