Il gruppo bancario Illimity ha finalizzato l’acquisizione, tramite la costituzione di una nuova società, di Aurora Recovery Capital (Arec), società specializzata nella gestione di crediti unlikely to pay (utp) con focus sul segmento corporate real estate. Dall’integrazione di Arec e Neprix, servicer di illimity, nasce così un operatore da oltre 9 miliardi di euro di masse in gestione.

L’operazione prevede l’acquisto da parte di illimity dell’intero del capitale di una società di nuova costituzione, cui sarà stato preventivamente conferito l’intero perimetro di business di Arec. L’acquisizione, per un controvalore complessivo di 40 milioni di euro, avverrà mediante il conferimento in illimity del 90% delle azioni della newco.

Il deal e le potenziali sinergie, si legge in una nota, produrranno un effetto positivo sull’utile prima delle imposte del gruppo illimity, che la banca prevede possa attestarsi nell’intorno di circa 8 milioni di euro nel 2023 e di circa 11 milioni di euro nel 2025, incrementali rispetto ai target del Piano Strategico 2021-25.

L’operazione “ci consente di rafforzare il nostro posizionamento nella gestione di crediti utp con particolare focus sul segmento dei large ticket corporate real estate, e ci mette in condizioni di cogliere le rilevanti opportunità di mercato che si presenteranno in futuro – ha commentato il fondatore Corrado Passera (nella foto)-. Infine, la pipeline di nuove opportunità di business e di partnership è molto ricca e, come previsto, il 2022 sarà l’anno in cui si manifesteranno le prime sinergie significative con il gruppo Ion”.

I risultati del gruppo bancario

Illimity, gruppo bancario quotato su Euronext Star Milan, ha chiuso il primo trimestre 2022 con un utile netto di 15,7 milioni di euro, in crescita del 25% rispetto al primo trimestre del 2021 (12,6 milioni). I ricavi si sono assestati a 78,5 milioni, più diversificati e bilanciati tra le componenti margine di interesse e margine da servizi.

Al 31 marzo 2022, gli attivi della banca si attestano a circa 4,9 miliardi di euro, in crescita del 6% rispetto alla fine del 2021 e del 14% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Secondo la società si tratta del migliore primo trimestre di sempre in termini di nuovi volumi di business, con oltre 330 milioni di euro di crediti e investimenti originati nel primo trimestre 2022, valore più che doppio rispetto a quanto realizzato nel primo trimestre dell’anno precedente.

Gli advisor

Gatti Pavesi Bianchi Ludovici ha assistito illimity Bank con un team composto dall’equity partner Luigi Arturo Bianchi e dalla partner Vanessa Sobrero con la associate Federica Braschi e con Bianca Bortolussi per i profili corporate e m&a. L’equity partner Marc-Alexandre Courtejoie e la associate Carolina Caslini hanno curato i profili di banking e finanza strutturata, mentre gli equity partner Paolo Ludovici e Michele Aprile,  assieme al senior associate Roger Demoro e all’associate Sergio Mango si sono curati dei profili fiscali.

Cappelli Rccd ha agito, invece, al fianco di Arec e dei soci Finance Roma e Gwm Group Holding. Il gruppo di lavoro dello studio, guidato dal name partner Roberto Cappelli, è stato composto dal partner Stefania Lo Curto, dalla senior associate Giulia Martino e dalla associate Alberta Berruti per i profili m&a. Il partner Paolo Serva e l’associate Edoardo Diotallevi hanno curato i profili tax, il partner Stefano Agnoli gli aspetti inerenti alle operazioni di cartolarizzazione, Infine la senior associate Sofia Arata si è occupata dei profili relativi alla licenza ex art. 115 Tulps.

Nell’operazione di cessione della propria partecipazione nel capitale sociale di Arec, Oxalis Holding è stata assistita da Allen & Overy con un team diretto dal partner Paolo Nastasi. Il professionista è stato coadiuvato dalla senior associate Chiara De Luca e dall’associate Marta Avara. Il partner Stefano Sennhauser e l’associate Martina Gullino, invece, hanno prestato assistenza per gli aspetti banking.

Lascia un commento

Related Post