Case, uffici, immobili commerciali e industriali sono da sempre elementi fondamentali della vita e dell’economia. Con questa idea, illimity lancia Quimmo, una proptech che vuole rispondere ai bisogni di venditori e compratori sia privati che istituzionali, la cui app sbarcherà sul mercato il prossimo giugno. Una piattaforma creata per semplificare l’acquisto e la vendita degli immobili e coprire l’intera catena del valore. Quimmo diventa così uno dei portali controllati da abilio, la Gruppo illimity specializzata nell’intermediazione digitale.

L’idea nasce dai bisogni concreti del paese, spiega Corrado Passera, Ceo e fondatore di illimity, “ma anche dalle possibilità che offre il mercato delle intermediazioni private, un mercato da oltre 120 miliardi di euro“. L’ingresso di Quimmo permette l’evoluzione dell’offerta legata al segmento giudiziale verso una fase successiva. Nei prossimi mesi, infatti, la piattaforma punta a coprire, in maniera ancora più completa, anche i bisogni delle altre tipologie di venditori – sviluppatori immobiliari, costruttori, fondi, banche, assicurazioni e famiglie.

“Un luogo dove c’è tutto”

Ma come funziona la piattaforma? Quimmo mette in primo piano l’immobile e fornisce un’assistenza chiara e completa per accompagnare chi vende e chi acquista in tutto l’iter – qualunque sia la modalità di vendita prevista, dall’asta telematica alla trattativa privata – e in qualsiasi fase – dalla scelta dell’immobile fino all’acquisto.

Quimmo si inserisce in un segmento sempre più promettente del proptech. Il nostro modello, spiega Daniele Ciccarelli, Responsabile del progetto (nella foto), raccoglie in un unico luogo tutto ciò che serve per vendere e comprare l’immobile ricomponendo la frammentazione della molteplicità di agenti immobiliari, portali e servizi. In un’unica piattaforma, infatti, sarà possibile avere la visibilità dei grandi portali, l’assistenza delle agenzie immobiliari e processi di compravendita digitali guidati dai dati.

All’interno di Quimmo, inoltre, saranno presenti servizi a valore aggiunto in quanto sia il venditore che il compratore vogliono essere aiutati nella scelta di tutte quelle professionalità utili alla compravendita come, ad esempio, una rete di tecnici o una rete di notai convenzionati. Tutto integrato dall’inizio alla fine all’interno di un’unica interfaccia.

“Un’anima digitale centralizzata”

Quimmo, viene spiegato alla stampa, ambisce a prendere il meglio in termini di tecnologia, processi e prodotti e li combina con una user experience semplice e con la capacità di accompagnare il cliente venditore o il cliente compratore attraverso tutte le fasi della vendita o dell’acquisto con servizi di assoluta qualità e procedure rapide, trasparenti e digitalizzate. Ma non solo. Quimmo offre anche l’assistenza di professionisti specializzati, su tutto il territorio nazionale, coordinati centralmente e guidati da un’unica anima digitale.

Vogliamo democratizzare il settore real estate, mettendo in primo piano l’immobile e offrendo la più ampia varietà di modalità di vendita, dall’asta alla trattativa privata. Per farlo abbiamo sviluppato un paradigma ibrido, un mix formidabile tra business model innovativo e human touch”, spiega ancora Ciccarelli. La piattaforma lanciata da illimity produce le informazioni e le condivide, secondo i casi, con venditori e compratori per orientare le strategie e le scelte.

I venditori, privati ed istituzionali, potranno accedere ad una moltitudine di dati sui loro potenziali clienti, i lori immobili ed il loro mercato di riferimento. I venditori sapranno chi ha visitato l’immobile, virtualmente e fisicamente, chi ha scaricato i documenti, chi ha chiesto informazioni, chi ha chiesto un appuntamento. Avranno accesso alla loro dashboard e avranno consapevolezza del percorso, potranno dialogare con i professionisti per analizzare i dati raccolti, reindirizzare la strategia e accelerare cosi il processo di vendita. I compratori hanno un loro account in cui possono salvare la ricerca, essere informati sulle opportunità disponibili e corrispondenti ai loro interessi.

Lascia un commento

Related Post