L’avanzamento dell’inflazione, giunta secondo le stime preliminari dell’Istat a +7,9% nel mese di luglio, non poteva che impattare anche sul costo delle vacanze. Il conto più pesante lo sta pagando chi ha scelto una villeggiatura balneare, che pesa sui portafogli dei vacanzieri circa il 16,8% in più rispetto a un anno fa. È questo il principale dato che emerge dall’analisi svolta dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori.

Lo studio ha confrontato la variazione dei prezzi rispetto al 2021 prendendo in considerazione tre diverse tipologie di vacanza – mare, montagna e crociera – della durata di una settimana per un nucleo familiare composto da quattro persone, due adulti e due bambini.

Sale di circa 700 euro il costo di una settimana di vacanze al mare

Il costo di una settimana al mare per quattro persone quest’anno si aggira in totale sui 4.849,52 euro, contro i 4.151,68 del 2021, una variazione, come già anticipato, pari al +16,8%. A pesare maggiormente sul rincaro della vacanza è il prezzo del carburante per le auto, aumento che si aggira sul +25%. Il dato è rilevante considerando che, sempre secondo Federconsumatori, tra gli Italiani che quest’estate partiranno per le vacanze in Italia, ben l’83% sceglierà il proprio mezzo di trasporto privato per raggiungere la destinazione.

Pesa poi pesantemente l’aumento dei prezzi dei pernottamenti balneari, che sono saliti di circa il +24%, il triplo rispetto all’aumento del +8% registrato per sette notti in montagna.

Rincari più contenuti per la montagna

La spesa da sostenere per una vacanza in montagna passa dai circa 3.829,72 euro del 2021 agli attuali 4.128,04 euro, lievitando del +7,8%. Anche in questo caso a pesare maggiormente è il rincaro del prezzo del carburante, come già spiegato in precedenza.

Una volta giunti a destinazione, il rincaro maggiore lo si affronta se si scegli di effettuare una passeggiata a cavallo, escursione che ha visto il suo costo aumentare di oltre 16 punti percentuali.

Settimana in crociera? Occhio ai prezzi del parcheggio del porto

Sale invece del +5,6% il prezzo di una settimana per quattro in crociera, che, con i suoi 5.622,66 euro di spesa, è la tipologia di vacanza più costosa fra le tre analizzate. Da notare in questo ultimo scenario che per il raggiungimento della nave in auto, oltre al già citato costo del carburante, pesa, e parecchio, il rincaro del parcheggio del porto, salito del +60% in confronto al 2021.

Un’altra voce che registra una lievitazione importante è quella legata un dopocena in una lounge bar. Con due consumazioni si spendono circa 28,14 euro, contro i 25 di un anno fa, un incremento del prezzo pari a 12 punti percentuali.

Lascia un commento

Related Post