Intesa Sanpaolo e Aquafil, uno dei principali produttori di nylon in Italia e nel mondo, quotata sul segmento Euronext Star di Borsa Italiana, hanno sottoscritto un accordo di finanziamento per un ammontare di 30 milioni di euro finalizzato al raggiungimento di specifici obiettivi legati all’economia circolare.

L’operazione 

L’operazione consiste in una linea di credito a tasso variabile della durata di 6 anni caratterizzata da un meccanismo di pricing legato al raggiungimento di precisi target sia in ambito di sostenibilità che di circular economy. Tali obiettivi prevedono un significativo miglioramento dell’impatto ambientale attraverso la riduzione del consumo idrico e un abbattimento dei materiali di scarto grazie al recupero e al riutilizzo dei rifiuti.

Il finanziamento si inserisce nella strategia del Gruppo Aquafil che da anni fa della sostenibilità e dell’economia circolare un elemento cardine del proprio sviluppo. L’operazione è stata conclusa dalla Divisione IMI Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo guidata da Mauro Micillo con il supporto del Circular Economy Desk di Intesa Sanpaolo Innovation Center, società dedicata all’innovazione e alla diffusione dell’economia circolare.

“Aquafil rappresenta un’eccellenza manifatturiera in ambito nazionale e internazionale che ha saputo abbracciare da tempo le tematiche legate alla sostenibilità facendone un perno della propria attività e del proprio sviluppo”, afferma Michele Sorrentino, Responsabile Network Italia della Divisione IMI Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo (nella foto).

Lascia un commento

Ultime News