A vent’anni dalla fondazione, EnVent Capital Markets, investment banking firm specializzata nell’assistenza alle imprese del Mid&Small Market, amplia il portfolio di servizi destinati alle Pmi, con particolare attenzione alle “imprese innovative in crescita”, e costituisce Envent Italia Sim.

Autorizzata e regolamentata dalla Financial conduct authority di Londra, da Consob e Banca d’Italia, Envent consolida così la sua presenza nel mercato italiano tramite la Sim, di cui detiene il 100% del capitale, allo scopo di rafforzare l’operatività nel mercato dei capitali europeo. La strategia degli azionisti è quella di consolidare il posizionamento in Italia, data l’importanza strategica e relazionale di questo mercato per il modello di business del gruppo specializzato in intermediazione e advisory.

Le società Envent opereranno con una piattaforma integrata di investment banking in aree di business e geografie complementari, con l’obiettivo di affiancare imprenditori e clienti corporate, sempre più proiettati verso la ricerca di fonti di finanziamento diversificate e raccolta di capitali.

I dettagli dell’operazione

Nello specifico, Envent Italia Sim si concentrerà nelle attività di collocamento (sia equity che debito), Euronext Growth Advisor e Listing Sponsor per il mercato principale, equity research e corporate access per le Pmi. Envent Capital Markets continuerà a focalizzarsi su m&a |corporate finance, capital raising, alternative investment advisory, nonché nel collocamento agli investitori professionali e istituzionali inglesi. Resta operativa anche nei mercati dei capitali del London Stock Exchange ed Aquis Exchange nel Regno Unito, Euronext Access and Growth in Francia ed Mtf in Austria.

Franco Gaudenti, presidente di Envent Capital Markets, dichiara: “Con la nascita di Envent Italia Sim raddoppia l’impegno del gruppo Envent nel mercato italiano ed europeo dei capitali. Un mercato dei capitali adeguato ad accompagnare la crescita del sistema delle Pmi italiane contribuisce a definire la competitività del Paese, in quanto offre a queste imprese opportunità fondamentali, in termini di raccolta di risorse finanziare, sia equity che debt, diversificazione del business e flessibilità”.

Prosegue Gaudenti: “A questo scopo Piazza Affari è una infrastruttura strategica del Paese. L’impegno di Envent e delle sue persone è su questa direttrice da sempre. Ed è proprio l’interazione ormai acclarata tra private markets e public markets a spingere queste aziende spesso famigliari o di prima generazione, innovative in tecnologie, prodotti e servizi, che aspirano a dotarsi di capitali pazienti che ne accompagnino lo sviluppo e il consolidamento, ad aprirsi e a ricorrere sempre più frequentemente al mercato dei capitali. Envent in questi venti anni di attività si è specializzata e dedicata a questa tipologia di aziende creando un gruppo di professionisti esperti nell’investment banking fondato una struttura di partnership indipendente. L’obiettivo è una ulteriore espansione”.

“Un completamento di un progetto che parte da lontano”

Paolo Verna, co-fondatore e director, dichiara: “La costituzione della Sim rappresenta il completamento di un progetto iniziato nel 2003 e poi evoluto nel 2014 con l’ottenimento delle autorizzazioni al collocamento in Inghilterra, che ha portato Envent ad essere una delle poche realtà italiane nel mondo dell’investment banking con una presenza sia europea che in Uk, credenziali e team dedicati in grado di favorire un ponte stabile tra il risparmio e l’economia reale. L’entrata in operatività della Sim va nella direzione di voler rendere Envent la banca d’affari d’elezione per le Pmi e per gli investitori istituzionali e professionali un punto di riferimento”.

Lascia un commento

Articolo correlato