Un pool di banche composto da Intesa Sanpaolo (divisione IMI Corporate & Investment Banking), che ha svolto il ruolo di banca agente e Sace agent, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banco BPM, BNL Gruppo BNP Paribas, BPER Banca, Cassa Centrale Banca, Cassa Depositi e Prestiti e UniCredit ha erogato un finanziamento per complessivi 40 milioni di euro a Italpreziosi, società attiva nella produzione, trading e commercio di metalli preziosi, lingotti e oro da investimento.

Il finanziamento, della durata di tre anni, si legge in un comunicato, è assistito da Garanzia Italia di Sace. Ed è finalizzato a sostenere il piano di crescita e di sviluppo di Italpreziosi.

La scheda dell’azienda

Italpreziosi, guidata dall’amministratore delegato Ivana Ciabatti (nella foto di copertina) è tra i principali operatori nell’affinazione e trading di oro e metalli preziosi (argento, platino e palladio) in Italia e nei più importanti mercati internazionali. Fondata nel 1984, con sede ad Arezzo, è attiva su tutta la filiera ed è partner di tutti gli operatori del settore: miniere, commercianti professionali, banche, produttori di gioielli, consumatori industriali e investitori privati. La società utilizza le più avanzate tecniche di affinazione per ottenere oro, argento, platino e palladio ai massimi livelli di purezza, osservando i più alti standard etici. Attraverso il dipartimento Precious Metals Sales, Italpreziosi supporta i clienti e gli intermediari finanziari in tutte le fasi della compravendita di oro, offrendo varie tipologie d’investimento: barre d’oro di fusione, lingotti da fusione, lingotti coniati e monete di borsa.

Lascia un commento

Ultime News