Keenetic, azienda specializzata in soluzioni di networking nata nel 2017 dallo Spin off di Zyxel, con un fatturato globale di 40 milioni di euro, arriva in Italia e nomina Marco Bartolone nuovo country manager. A lui il compito di aprire il mercato in uno dei paesi chiave per la strategia di sviluppo nell’Europa meridionale.

Spiega il manager: “L’incarico che mi è stato dato è certamente sfidante. L’ingresso in un nuovo mercato richiede una strategia ben definita, investimenti consistenti e soprattutto idee innovative capaci di aggiungere valore sia ai consumatori che ai nostri partner. I primi feedback dal mercato sono estremamente positivi, il che ci permette di affrontare le sfide iniziali con grande fiducia e serenità”.

“Il nostro primo target saranno le Pmi”

Continua Bortolone: “Siamo costantemente supportati dal nostro headquarter europeo di Francoforte. Parallelamente alla costruzione di una solida rete distributiva il nostro primo target saranno le Pmi e, soprattutto, gli internet service provider di medie dimensioni. Penso a tutte quelle realtà note principalmente nelle proprie regioni di riferimento che forniscono connessione e servizi di rete ad aziende e privati. L’intenzione è quella di porci come partner ideale capace di garantire, grazie alla tecnologia d’avanguardia utilizzata, una riduzione importante dei costi di gestione, come quelli legati al supporto clienti in fase di installazione e durante l’assistenza quotidiana. L’auspicio è di conquistare il 25% del mercato dei router in 3 anni”.

Marco Bartolone, un po’ di bio

Marco Bartolone, laureato in Design della Comunicazione presso il Politecnico di Milano e con una formazione manageriale conseguita presso Sda Bocconi in Value Creation & Key Account Management, vanta oltre 15 anni di esperienza nel settore delle reti informatiche. Durante il suo percorso professionale, ha occupato ruoli apicali in uno dei principali player del networking come D-Link, concentrandosi soprattutto nello sviluppo di relazioni con Distributori, E-Tailer e Retailer.

Come nuovo country manager porta con sé una vasta conoscenza nel settore dell’informatica e comprovate capacità di gestione delle relazioni commerciali e di pianificazione aziendale, con particolare attenzione al marketing. Il suo approccio strategico si concentra sullo sviluppo dei canali di vendita, sull’aumento della visibilità del marchio e sul raggiungimento degli obiettivi di revenue.

Keenetic, un po’ di storia

Specializzata in soluzioni di networking, nasce nel 2017 dallo Spin off di Zyxel e vanta un fatturato globale di 40 milioni di euro. La multinazionale ha il suo headquarter europeo in Germania, alle porte di Francoforte, dove convergono le attività di sviluppo software, supporto marketing e commerciale per le filiali e la rete europea di partner, logistica e R&D. A quest’ultimo comparto l’azienda dedica 50 dipendenti con un totale di 8.000 ore lavoro per mese ed investimenti pari al 10% del fatturato.

I prodotti Keenetic sono progettati per essere autoconfigurabili, in modo da garantire un’esperienza personalizzata. Il controllo diretto da parte dell’azienda sullo sviluppo dell’hardware e del software garantisce l’autonomia necessaria per affiancare i clienti in ogni fase. Ogni router è, inoltre, dotato di tool di gestione della connessione e di uno spazio cloud privato.

Tutti i dispositivi Keenetic offrono almeno quattro anni di aggiornamenti costanti del sistema operativo per evitare l’obsolescenza istantanea, allungare la vita del router e ridurre l’impatto anche in termini di sostenibilità. Per garantire che questi processi vadano a buon fine Keenetic investe grandi risorse nelle attività di testing (7.500 ore al mese). Ogni nuovo aggiornamento deve superare circa 8.000 test.

Lascia un commento

Related Post