Lifco ha firmato un accordo per acquisire una quota di maggioranza nella società italiana Cfr, produttore di nicchia di sistemi di trazione elettrica per applicazioni industriali.

Con questa nuova acquisizione, il gruppo svedese conferma la propria strategia aziendale che prevede di acquisire e sviluppare aziende di nicchia per fornire una crescita redditizia sostenibile e flussi di cassa robusti.

Nel 2023, Cfr ha riportato vendite nette di circa 38,5 milioni di euro. L’azienda ha sede a Modena, Italia, e conta 100 dipendenti. Con questa operazione sarà consolidata nell’area business solutions, divisione prodotti per il trasporto. Si prevede che il consolidamento avrà luogo nel secondo trimestre del 2024.

La strategia di crescita di Lifco

Lifco è guidata da una specifica strategia, incentrata sulla crescita a lungo termine, focus sulla redditività e organizzazione fortemente decentralizzata. Il gruppo ha tre aree di attività: dentale, demolizioni e altre attività industriali di nicchia. Alla fine del 2023, il gruppo era composto da 233 società operative in 31 paesi. Nel 2023, Lifco ha riportato un Ebitda di 5,7 miliardi di Sek e vendite nette di 24,5 miliardi di Sek.

Gli advisor

Eliana Abbati e Claudio Previdi, dello studio legale Previdi, hanno assistito legalmente i soci di Cfr. Cmp Law ha assistito Lifco nella transazione con un team guidato da Dario Picone e composto da Giuliano Giaquinto e Benedetta Marras.

Lascia un commento

Articolo correlato