Osit, azienda romana che opera nel segmento moda per teenager con il marchio Subdued, annuncia l’ingresso della holding cinese di partecipazioni Nuo nel proprio capitale sociale con una quota del 30%.

La partnership strategica tra i co-fondatori di Subdued (Enrico Maria Sconciaforni e Alessandro Orsini) e Nuo, consentirà al brand di consolidare la sua forte presenza nel mercato europeo e di intraprendere un percorso di crescita su scala mondiale, facendo leva sulla posizione di leadership europea di Subdued nel proprio segmento di riferimento e sulla forte esperienza internazionale di Nuo nel settore consumer.

Fondato a Roma all’inizio degli anni ’90, Subdued oggi si avvale di una strategia di distribuzione interamente direct-to-consumer con 85 negozi proprietari nei principali mercati europei (Italia, Spagna, Regno Unito, Francia, Dach e Benelux) e un canale digitale proprietario in rapida crescita. Nel 2023 ha registrato un fatturato consolidato di circa 120 milioni di euro, di cui più del 50% generato all’estero, con un aumento di quasi il 30% rispetto al 2022, confermando il forte percorso di crescita storico. Questi risultati pongono solide basi per le prospettive future di entrata e sviluppo del mercato americano e di quello asiatico.

Nuo – Subdued, commento all’operazione

“L’ambizione è contribuire attivamente al successo globale del marchio Subdued puntando sul mercato cinese e nord americano –spiega Tommaso Paoli, Ceo di Nuo-. Metteremo a disposizione le proprie competenze nello sviluppo internazionale, la disciplina di una buona governance, il network relazionale per consentire agli imprenditori e al team di raggiungere le loro ambizioni di lungo periodo”.

Gli advisor

Nell’operazione, Subdued è stata assistita da Rothschild & Co, in qualità di consulente finanziario esclusivo con un team composto da Irving Bellotti (partner) Gianluca Corriere (assistant director) e Caterina Tridenti (analyst), e da Legance, in qualità di consulente legale esclusivo con un team composto da Gian Paolo Tagariello, Stefano Parlatore, Andrea Tortora della Corte, Camilla Tallia e, per gli aspetti giuslavoristici, da Marco d’Agostini e Caterina Colombano.

Il team di Nuo che ha seguito l’investimento è composto da Tommaso Paoli (Ceo), Luca Bossi (director); Simone Oddo (investment manager) e Guglielmo Fornaro (analyst). La consulenza legale è stata curata da Chiomenti con un team composto da Luigi Vaccaro, Mario Pelli Cattaneo, Maria Laura Zucchini, Nicolò Dejuri, Giorgia Cutino ed Elisabetta Grasso e, per i profili giuslavoristici, da Fiona Gittardi; gli aspetti Ip sono stati seguiti da Anna Gardini, Giacomo Di Grazia e Stefano Carasso. I profili di diritto amministrativo sono stati seguiti da Elisabetta Mentasti, Riccardo Cecatiello e Cristiano Ciuffa.

La consulenza fiscale è stata curata da Gitti & Partners con un team composto da Diego De Francesco, Elisa Resmini e Lorenzo Paliaga mentre Deloitte si è occupata della due diligence finanziaria.

 

Lascia un commento

Related Post