Crédit Agricole Italia, ma non solo, al fianco di Parmacotto per sostenere le eccellenze made in Italy. L’istituto, che ha agito in qualità di Banca agente e Banca Coordinator, ha erogato un finanziamento da 25 milioni di euro insieme a Bper e Banco Bpm, con lo scopo di supportare il piano di investimenti 2024-2027 a favore dell’azienda del comparto dei salumi cotti, stagionati e avicoli.

L’importo è stato destinato a strutturare il debito esistente del gruppo allineandolo ai piani di crescita previsti, permettendo così una pianificazione finanziaria più efficiente e sostenibile per gli anni futuri. Nel dettaglio, il finanziamento supporterà la società nella realizzazione del suo business plan 2024-2027, attraverso l’espansione dei canali di vendita, l’ampliamento della già vasta gamma di prodotti attualmente disponibili alla clientela mediante l’introduzione di nuovi prodotti e il rafforzamento delle attività all’estero, con particolare riferimento al mercato europeo e americano.

Parmacotto, un po’ di storia

Nato nel 1978 e con sede a Marano, il gruppo Parmacotto è oggi attivo nella produzione e distribuzione di affettati in vaschetta attraverso i suoi 4 brand – Parmacotto, Boschi Fratelli, Parmacotto Selection, Salt&Twine – simboli dell’eccellenza italiana nel mondo.

Il gruppo conta oltre 300 dipendenti, 2 filiali commerciali estere – una in Svizzera e l’altra negli Stati Uniti – 4 stabilimenti produttivi sul territorio e 2 stabilimenti negli Stati Uniti, per complessive 2 linee di business quali i prodotti ‘banco taglio’ e quelli ‘a libero servizio’. Il gruppo opera inoltre nei 3 principali canali distributivi: grande distribuzione organizzata, canale specializzato e food service.

Lascia un commento

Articolo correlato