Il comparto Energy Tech, del Fondo Corporate Partners I di Cdp Venture Capital Sgr, ha siglato il primo closing per un totale di 80 milioni di euro. A investire nel comparto sono state Baker Hughes, Edison, Snam e Italgas.

Energy Tech e la sfida della transizione energetica

L’obiettivo di Energy Tech è finanziare startup e Pmi, ad alto potenziale innovativo e impegnate nella sfida della transizione energetica, promuovendone lo sviluppo in collaborazione con utility di rilievo, nel ruolo di Limited Partner del comparto.

I principali ambiti di interesse riguardano, infatti, soluzioni per l’efficienza energetica, le fonti rinnovabili, la mobilità sostenibile, la cattura, gestione e stoccaggio della Co2, il monitoraggio e la gestione delle reti di distribuzione, i servizi di flessibilità e le comunità energetiche, così come l’esplorazione dei vettori energetici emergenti come l’idrogeno e altri gas rinnovabili.

Questa collaborazione tra Cdp Venture Capital e il mondo corporate rappresenta, dunque, una leva importante per promuovere l’ecosistema italiano delle startup emergenti.

Gli advisor

Il team di fund formation & investment management di Gatti Pavesi Bianchi Ludovici, sotto la guida del partner Eriprando Guerritore coadiuvato dall’associate Costanza Vianello ha affiancato Snam nell’operazione. L’assistenza prestata dallo studio ha riguardato la predisposizione, la revisione e la negoziazione dell’intera documentazione inerente all’investimento di Snam nel comparto.

Per Snam ha agito anche un team legale interno composto da Lorenzo Marcelli Flori e Rosanna Pallotta.

Lascia un commento

Related Post