Namira Sgr , società specializzata nel real estate ha perfezionato il primo investimento del fondo in gestione Industriale Italia che punta a immobili a destinazione industriale e logistica, ubicati in aree ad alta densità manufatturiera del centro nord Italia con una strategia di “sale&lease back”.

Namira ha infatti acquisito da Irplast – controllata del private equity londinese Cheyne Capital e attiva nella produzione di film in polipropilene per etichette, nastri adesivi e packaging – lo stabilimento di Empoli di circa 30mila mq.

Al contempo Fondo Industriale Italia ha sottoscritto con Irplast un contratto di locazione per una durata di 24 anni con opzioni di rinnovo.

Eugenio Radice Fossati (nella foto) fondatore di Namira Sgr ha spiegato: “Industriale Italia vuole essere un utile strumento per imprenditori, piccole medie imprese italiane e private equity che desiderano diversificare le fonti di finanziamento, uno strumento molto utilizzato all’estero e che in Italia sta raccogliendo sempre più interesse”.

Gli advisor

Gitti and Partners ha assistito l’acquirente con un team composto dal partner Stefano Roncoroni, dal senior associate Tommaso Iadanza e dai junior associate Beatrice Simeone e Veronica Verdini. La partner Laura Sommaruga e il senior associate Federico Ianeselli hanno seguito i profili amministrativi. Il partner Gianluigi Strambi e gli associate Mattia Gigliotti e Carola Passi hanno seguito i profili fiscali, mentre la senior associate Nadia Cuppini e la junior associate Roberta Talone hanno seguito i profili regolamentari dell’operazione.

Dentons ha prestato affiancato Irplast in relazione agli aspetti transactional dell’operazione e alla negoziazione del contratto di locazione, con un team guidato dal managing partner Federico Sutti e composto dalle associate Carlotta Soli e Elena Cossutta. La partner Annalisa Feliciani e l’associate Andrea Trabucco hanno curato i profili connessi alla riduzione dell’indebitamento finanziario.

Fondo Industriale Italia è stato assistito da Ireit in qualità di advisor strategico. Gli aspetti notarili dell’operazione sono stati curati dallo Studio Notarile Giacosa e Mazzoletti.

Lascia un commento

Related Post