Possesso di requisiti di elevata specializzazione professionale, mantenimento della residenza in Italia per almeno cinque anni, limite annuo di 600mila euro per applicare una riduzione della tassazione del 50%. Sono questi solo alcuni dei punti inclusi nella riforma per agevolare il rientro dei cervelli in Italia.

Marco Palanca, partner di Simmons & Simmons, spiega le novità del regime agevolativo dei lavoratori rimpatriati, dalla durata quinquennale, modificato il 19 dicembre 2023 e attivo dal primo gennaio 2024.

Lascia un commento

Related Post