ShippyPro, startup che si occupa di gestire le spedizioni omnicanale, ha annunciato l’investimento in un round di serie B da 15 milioni di dollari da parte della società americana Five Elms Capital.

Questo rappresenta uno dei round più significativi del mercato italiano nel corso del 2023 ed è allo stesso tempo il maggiore nell’ambito del software come servizio (SaaS).

Five Elms Capital era già stato investitore in ShippyPro nel 2021 con una serie A da 5 milioni di dollari, rinnovando così il proprio impegno nei confronti di ShippyPro come la principale piattaforma tecnologica per la logistica su scala globale e confermando il suo sostegno finanziario.

La strategia

Attualmente, ShippyPro costituisce l’infrastruttura tecnologica di riferimento per la logistica globale delle più importanti marche internazionali. Queste aziende fanno uso della piattaforma per gestire le operazioni di spedizione e logistica relative al commercio elettronico, ai rivenditori e ai magazzini in tutto il mondo.

I nuovi finanziamenti saranno utilizzati per sostenere il piano di espansione internazionale di ShippyPro, che già conta clienti in oltre 36 paesi. L’azienda prevede di aprire nuove sedi all’estero e di reclutare nuovi talenti entro la fine del 2024, concentrandosi su ruoli strategici nei dipartimenti di Ingegneria, Prodotto e Vendite.

Advisor

Orrick, con il supporto di un team crossborder guidato da Flavio Notari, Head of Tax for Technology Companies italiano, ha assistito ShippyPro in questa operazione. Il team era composto da Elena Cozzupoli, associate, del Technology Companies Group italiano coordinato da Attilio Mazzilli, dal senior associate Paul Klimos e dalla associate Maria Coladonato del Technology Companies Group USA.

Lascia un commento

Articolo correlato