Sace e Crédit Agricole Italia rafforzano la loro collaborazione con l’obiettivo di accelerare la transizione sostenibile del nostro Paese, supportando le imprese italiane nei loro investimenti volti a ridurre l’impatto ambientale. La partnership consentirà a Crédit Agricole di mettere a disposizione delle aziende la garanzia di Sace per le loro progettualità finalizzate alla mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, prevenzione e riduzione delle attività inquinanti, protezione delle risorse idriche e marine, salvaguardia e ripristino delle biodiversità e degli ecosistemi, mobilità sostenibile e circular economy, in linea con il Green New Deal e con la tassonomia definita dall’Unione Europea.

Le imprese –società di capitali con fatturato fino a 500 milioni di euro– potranno beneficiare della Garanzia Green di Sace all’80%, rilasciata a condizioni di mercato, attraverso un processo totalmente standardizzato e digitalizzato. Per rendere ancor più accessibile lo strumento della Garanzia Green, Sace ha semplificato e ulteriormente digitalizzato il processo, migliorando la customer experience anche grazie a un portale dedicato. Tra le novità introdotte, una maggiore flessibilità dei finanziamenti, tra cui la possibilità di avere erogazioni multiple.

Le nuove modalità di accesso alla Garanzia Green rappresentano un ulteriore importante passo nel percorso di trasformazione digitale che Sace sta portando avanti, in linea con la strategia e gli obiettivi del Piano Industriale Insieme 2025. Inoltre, le modifiche introdotte allo strumento agevoleranno e accelereranno la sigla di nuove convenzioni green. “Le aziende che investono in sostenibilità sono più competitive e resilienti e questo vale in particolare per le PMI, che sono un pilastro del nostro piano industriale Insieme2025”, sottolinea Bernardo Attolico, chief business officer di Sace.

I commenti all’operazione Sace – Crédit Agricole

“Con la nostra Garanzia Green abbiamo già supportato circa 500 progetti in Italia per un valore totale di oltre 11 miliardi di euro e siamo impegnati ogni giorno nel sostenere gli investimenti utili ad accelerare i processi di transizione sostenibile in tutte le sue fasi, dalla gigafactory per la produzione di pannelli solari a quella per le batterie al litio, dallo sviluppo di nuovi data center, all’agricoltura verticale, fino al recupero della Co2. Siamo, quindi, orgogliosi di questo accordo con Crédit Agricole Italia, che si aggiunge alle diverse partnership che abbiamo siglato e stiamo siglando con il mondo della finanza per rafforzare il nostro impegno a sostegno della transizione ecologica italiana”.

La partnership dimostra come Crédit Agricole Italia si ponga quale partner di fiducia per tutte quelle imprese che, con approccio aperto e sistemico, riconoscono nella transizione verso modelli di business sostenibili un valore essenziale per la loro crescita, anche in ottica di ritorno economico di lungo periodo. “La collaborazione con Sace testimonia il ruolo di primo piano che Crédit Agricole Italia ricopre nell’affiancare e supportare le imprese lungo il percorso verso la loro transizione ecologica, mediante numerosi strumenti dedicati, in grado di dare una risposta concreta in uno scenario in continua evoluzione” – dichiara Roberto Ghisellini, condirettore generale Crédit Agricole Italia. “Riteniamo che la valorizzazione dei territori, la promozione di comportamenti virtuosi da parte delle aziende e l’incremento della digitalizzazione attraverso investimenti in nuove tecnologie siano le direttrici per lo sviluppo e la crescita del Paese”.

Lascia un commento

Related Post