Saipem si è aggiudicata due nuovi contratti nella perforazione offshore, uno in Medio Oriente e uno nel Mar Mediterraneo per un valore totale di circa 550 milioni di dollari.

Saipem, la commessa in Medio Oriente

In Medio Oriente Saipem si è assicurata la continuità delle attività in corso del jack up Perro Negro 7 a partire dalla seconda metà dell’anno garantendosi una importante estensione di dieci anni del contratto già esistente grazie anche alle ottime prestazioni raggiunte dall’impianto durante l’esecuzione delle attività. Il Perro Negro 7, jack up in grado di operare sino a 375 piedi di profondità d’acqua, è conforme alle più severe normative e agli standard ambientali più elevati ed è dotata di attrezzature tra le più avanzate.

L’estensione di 10 anni è una durata record nell’area, che solo in limitate occasioni in passato era stata concessa ad un contrattista internazionale, e rinforza ulteriormente il posizionamento strategico di Saipem nel segmento drilling. Dopo aver recentemente ampliato la sua presenza nell’area passando da tre impianti nel 2021 a sette previsti a fine 2023, grazie all’acquisizione di vari contratti pluriennali, con questo rinnovo contrattuale Saipem vede, infatti, nuovamente riconosciuto, nel principale mercato “shallow water” mondiale, il suo impegno per l’esecuzione di progetti in modo efficiente con attenzione verso la sicurezza e l’ambiente.

E quella nel Medierraneo

Nel Mar Mediterraneo Saipem si è aggiudicata, inoltre, un contratto per l’utilizzo dell’unità semisommergibile Scarabeo 9 per un periodo stimato di circa sei mesi con eventuali periodi opzionali. L’unità di perforazione di sesta generazione è dotata di doppia torre di perforazione ed è in grado di operare in ultra-deep water, ovvero a una profondità fino a 12mila piedi. L’acquisizione di questo contratto conferma il solido posizionamento di Saipem nel mercato drilling del Mediterraneo, area che è stata caratterizzata negli anni da un apprezzabile stabilità ed attesa poter contribuire a mantenere elevati i tassi di utilizzo della flotta.

Lascia un commento

Related Post