Seco ha acquisito la tedesca Garz & Fricke Group per 180 milioni di euro. La società attiva nel campo dell’innovazione tecnologica dell’internet of things e dell’intelligenza artificiale, quotata nel segmento Star di Borsa Italiana, si unirà al gruppo tedesco che sviluppa e realizza soluzioni hardware e software, dando vita a un player da 180 milioni di euro di ricavi e di più di 40 milioni di euro di ebidta adjusted entro il 2022.

Leonardo Graffi

Fondata nel 1992 e acquisita nel 2017 da Afinum, ricorda un comunicato, Garz & Fricke Group realizza soluzioni edge human-machine interface standard e custom, dei loro componenti e di un ecosistema personalizzato che integra IoT, software e sistemi di pagamento. L’obiettivo è che entro la fine del 2021, la società generi ricavi pari a circa 45 milioni euro, con un ebitda adjusted superiore a 10 milioni euro.

Il commento

Per noi l’acquisizione di Garz & Fricke Group è un passaggio chiave che ci consente di incrementare la nostra posizione di leadership a livello europeo e globale, di rafforzare la nostra presenza in un mercato strategico come la Germania, oltre che di accelerare ulteriormente la diffusione di Clea su una base clienti sempre più ampia, aggiungendo competenze e tecnologie chiave al nostro portafoglio prodotti per continuare a fornire i più elevati standard di qualità e servizio ai nostri clienti”, ha commentato Massimo Mauri (nella foto di copertina), amministratore delegato di Seco.

Andrea Limongelli

Le banche del finanziamento

Ai fini dell’acquisizione Seco ha sottoscritto un accordo di finanziamento a medio-lungo termine. Intesa Sanpaolo e UniCredit hanno agito in qualità di co-underwriters e bookrunners. BancoBpm e Gruppo Bnp-Paribas hanno svolto il ruolo di mandate lead arrangers. Con la sottoscrizione dell’accordo di finanziamento, Seco intende corrispondere ai venditori una parte del prezzo concordato e rifinanziare il debiti di Garz & Fricke Group al closing.

Gli advisor

Alessandro Fosco Fagotto

Ad affiancare Seco nell’operazione in qualità di advisor finanziario è Goldman Sachs.

Ad assistere Seco anche lo studio legale White & Case, la società PwC per la parte finanziaria e Deloitte per quella commerciale. White & Case ha operato con un team composto dai partner Michael Immordino (degli uffici di Londra e Milano), Leonardo Graffi (dell’ufficio di Milano – nella foto in pagina) e Ingrid Wijnmalen (dell’ufficio di Francoforte), insieme al counsel Sascha Schmidt (dell’ufficio di Francoforte) e agli associate Mariasole Maschio (dell’ufficio di Milano), Laura Buchholz (dell’ufficio di Berlino) e Nico Frehse (dell’ufficio di Amburgo).

Garz & Fricke Group è stata assistita da Goetzpartners e Oaklinks, Cms per la parte legale e Kpmg per quella finanziaria.

Gatti Pavesi Bianchi Ludovici ha assistito Seco nel finanziamento dell’operazione, con un team guidato dal partner Andrea Limongelli (nella foto in pagina), con il senior associate Stefano Motta, l’associate Alessandro Carta Mantiglia Pasini e con Ilaria Ciucci.

Lo studio legale Dentons ha assistito le banche nel finanziamento, con un team composto dal partner Alessandro Fosco Fagotto (nella foto in pagina), dal managing counsel Edoardo Galeotti e dall’associate Giulia Caselli Maldonado.

Lascia un commento

Ultime News