Id.Eight, brand toscano di sneaker sostenibili realizzate con materiali derivanti dagli scarti dell’industria alimentare, chiude un round di investimento di 350mila euro con il fondo a|impact.

Il fondo di venture capital, promosso da AvanziSostenibilità per Azioni in collaborazione con Etica, supporta lo sviluppo e la crescita di Pmi e startup innovative che hanno la missione di generare un impatto sociale, ambientale e culturale positivo sulla collettività.

Il mercato delle sneaker e la missione di Id.Eight

Ogni anno vengono prodotte 24 miliardi di sneaker e la loro produzione pesa per l’1,4% sulle emissioni globali di gas serra (dati World Footwear Yearbook).

Nato nel 2019, il brand è riuscito a conquistare un posto in primo piano nel mercato delle calzature sostenibili sia Italia che all’estero trainato da consumatori sempre più attenti nelle loro scelte e un mercato in forte ascesa che si attesta a 9,17 miliardi di dollari ma che raggiungerà quota 14 miliardi di dollari entro il 2031.

La scelta dei materiali con cui vengono realizzate le sneaker Id.Eight è il risultato di una ricerca minuziosa, che ha portato all’individuazione di materiali a basso impatto ambientale, alternativi alla pelle, realizzati a partire dalla trasformazione degli scarti della frutta(Uppeal e Vegea, nascono dalla bio-polimerizzazione delle bucce di mela e delle vinacce cedute dalle aziende italiane, Pinatex, realizzato con le foglie degli ananas e BioVeg a partire dal mais).

Ai materiali bio basedsi aggiungono tessuti tecnici in poliestere riciclato e cotone biologico, utilizzati sulla tomaia, fodera e sottopiede. Anche il packaging è studiato come uno strumento per incidere positivamente sull’ambiente: la scatola è in carta riciclata e al suo interno si trova una “bomba di semi”, per contribuire alla creazione di una biodiversità più favorevole alla vita delle api.

Gli advisor

Rplt ha assistito a|impact  con i partner Nicola Carù e Giuseppe Taffari e con l’associate Riccardo Ruosi.

Lascia un commento

Related Post