Sofinnova Partners (nella foto di copertina, il managing partner e numero uno dell’ufficio italiano Graziano Seghezzi) ha chiuso la raccolta del fondo early-stage sull’impatto ambientale, Sofinnova Industrial Biotech II, a quota 150 milioni di euro

L’operatore di venture capital, si legge in un comunicato, ha portato il totale del patrimonio gestito sulla piattaforma di strategie di investimento a 2,5 miliardi di euro.

Il fondo “finanzierà aziende early-stage che utilizzano la biotecnologia per sviluppare soluzioni sostenibili nei settori alimentare, agricolo, chimico e dei materiali”.

Il portafoglio attuale comprende società che sviluppano soluzioni di protezione delle colture basate sulla biotecnologia (Biotalys, Micropep Technologies), che riciclano i rifiuti agricoli in prodotti chimici, ingredienti alimentari o mangimi (Afyren, Comet Bio), che utilizzano la fermentazione per sviluppare ingredienti alimentari (DMC Biotechnologies, Protera, Biosyntia, Microphyt) o che producono biologicamente nuovi prodotti chimici e materiali (DNA Script, EnginZyme).

Lascia un commento

Related Post