Partita più spettacolo. Il Super Bowl, la finale della National football league (Nfl) in cui si scontreranno nella notte tra domenica 13 e lunedì 14 febbraio (ore 00.30 italiane) i Los Angeles Rams e i Cincinnati Bengals, e l’esibizione nell’intervallo, noto per accogliere artisti dal calibro di Lady Gaga e Beyonce – e che quest’anno vedrà salire sul palco del campo Mary J. Blige, Dr. Dre, Snoop Dogg, Kendrick Lamar ed Eminem – rappresentano uno degli appuntamenti più attesi dagli appassionati del football americano. Di conseguenza, il giro d’affari che ruota attorno all’evento è costellato da diversi zeri. Dagli inserti pubblicitari alle sponsorizzazioni in cui quest’anno svettano anche le criptovalute. Gli artisti non sono pagati per esibirsi, ma il loro guadagno è in visibilità: nonostante questo, si tratta del Super Bowl più caro di sempre con i biglietti vip che arrivano fino a 72mila dollari.

Biglietti d’oro

La 56° edizione del Super Bowl è la più costosa di tutte. Per assistere in prima persona bisogna sborsare almeno mille dollari, per un posto all’ultimo anello, ma l’importo medio è di 10.237 dollari, quasi il doppio rispetto all’anno scorso. Se si punta ai posti Vip allora bisogna sborsare fino a più di 72mila dollari (64mila euro). Lo riparta Usa Today, citando il motore di ricerca Seat Geek.

A partire da ieri pomeriggio, i biglietti di Seat Geek sono in vendita a 5.218 dollari l’uno, più tasse e commissioni che portano il totale a poco meno di 7mila. Il biglietto più economico di Ticketmaster con commissioni parte da 6.746,35 dollari e arriva a 72.750 per un posto Vip nella sezione 111, a pochi metri dal campo. On Location, il fornitore ufficiale di ospitalità della Nfl, offre pacchetti che vanno da 5.950 a 11.475 dollari per il settore club di livello premium.

Inserzioni e spazi pubblicitari

Sebbene il Super Bowl sia ancora uno degli eventi televisivi più visti dell’anno, il suo pubblico negli ultimi dieci anni è costantemente diminuito ed è diventato più anziano. Solo 96,4 milioni di persone si sono sintonizzate l’anno scorso, rispetto ai 114 milioni del 2015, e ogni anno cala l’audience delle persone di età compresa tra i 18 ei 49 anni.

Tuttavia, questo non ha influito sui prezzi degli annunci di metà gioco. Il canale televisivo che trasmetterà il Super Bowl Nbc non ha reso pubblico il costo ufficiale di ogni spot pubblicitario, che di solito sono circa 80-90 durante l’evento. A settembre Dan Lovinger di Nbc Sports Group ha dichiarato, però, che stavano vendendo velocemente gli spazi da 30 secondi a oltre 6,5 milioni di dollari ciascuno. Si tratta del prezzo pubblicitario più costoso nella storia della Nfl. Rispetto l’ultima volta che la Nbc ha ospitato il Super Bowl nel 2018, infatti, è aumentato di circa il 20%. Gli ultimi due Super Bowl, trasmessi da Fox nel 2020 e Cbc  nel 2021, hanno visto offerte fino a 5,6 milioni di dollari.

Oltre a pagare per uno spot pubblicitario televisivo via cavo, la Cbs poi ha richiesto alle aziende di pagare altri 300mila dollari se volevano che il loro annuncio fosse incluso nel live streaming della Cbs. Le pubblicità del Super Bowl in genere durano 30 secondi, proprio come le normali pubblicità. Alcune aziende riducono il tempo a 15 secondi o addirittura hanno pagano di più per pubblicare un annuncio di 45 o 60 secondi.

Cripto Bowl

Il Super Bowl del 2022 poi è già stato soprannominato Cripto Bowl in base al numero di inserzionisti di criptovalute che si contendono l’attenzione – e la fiducia – degli spettatori. Non solo, la partita si terrà in uno stadio della California meridionale di proprietà di Sofi, una società di servizi finanziari che offre trading di criptovalute con Coinbase. Almeno tre piattaforme di scommesse sportive, tra cui Caesars Sportsbook, DraftKings e FanDuel, hanno poi in programma di trasmettere i propri annunci.

SportsHandle, un blog che copre la regolamentazione delle scommesse sportive negli Stati Uniti, ha riferito che la Nfl ha limitato il numero di annunci di scommesse sportive a sei in questa stagione, una decisione che probabilmente ha premiato i pochi posti disponibili. Caesars Sportsbook pubblicherà più annunci durante il fine settimana, incluso uno durante il secondo trimestre del Super Bowl che presenterà i Mannings, la famiglia di football che ha prodotto una stirpe di giocatori di quarterback. FanDuel ha lanciato una promozione del Super Bowl – scommettere 5 dollari per vincere potenzialmente 280 – per attirare nuovi giocatori, in particolare quelli negli Stati in cui le scommesse sportive sono state recentemente legalizzate. DraftKings, che ha avuto un posto nel Super Bowl 2021, pubblicherà due annunci da 15 secondi e offrirà agli spettatori la possibilità di scommettere gratuitamente durante il quarto trimestre.

Coinbase Global, secondo il Wall Street Journal, avrebbe acquistato un annuncio pubblicitario, anche se la società non ha ancora annunciato ufficialmente la notizia. Crypto.com manderà in onda il suo famigerato spot “la fortuna aiuta i coraggiosi” che è stato rilasciato per la prima volta ad ottobre con Matt Damon, mentre la piattaforma di scambio di criptovalute Ftx regalerà bitcoin a diversi vincitori come parte della sua campagna del Super Bowl.

Star senza compenso

Se i giocatori della Nfl guadagnano milioni, in media 2,7 milioni all’anno, non è lo stesso per i cantanti che partecipano allo spettacolo dell’intervallo, l’Half time show. Storicamente, nessuno di loro, da Justin Timberlake a Shakira è mai stato pagato. Secondo la politica della lega, infatti, la Nfl copre tutti i costi relativi alla produzione dello spettacolo, spese di viaggio e conto, ma gli artisti non ricevono un compenso per esibirsi.

Il costo di produzione, anche se si trattano solo di di tredici minuti, può essere alle stelle. La performance del 2020 di Jennifer Lopez e Shakira è costata alla Nfl circa 13 milioni di dollari: compresi i 3mila dipendenti coinvolti nella produzione, così come complicati elementi tecnici della performance, come un palco pieghevole in 38 parti, o l’enorme attrezzatura audio arrotolata su 18 carrelli. Più alte sono le richieste degli artisti più lo è anche il costo, come nel caso di Katy Perry che cavalca allo stadio su un leone d’oro meccanico, o Lady Gaga che si lancia con il paracadute nella sua esibizione dal tetto.

Il guadagno degli artisti è quello di esibirsi in uno dei palchi più grandi e televisivi del mondo, influenzando così le vendite della propria musica (quasi 100 milioni di spettatori si sono sintonizzati sul gioco dell’anno scorso, l’audience più basso registrato dal 2007). Quando Justin Timberlake si è esibito nel 2018, le sue vendite sono aumentate del 534% lo stesso giorno; quelle di Lady Gaga del 1000% dopo la sua performance del 2017.

Ad essere pagati, ma poco, sono invece i ballerini che accompagnano le performance. La Nfl è stata criticata per non aver pagato alcuni ballerini dell’intervallo, definendoli invece “volontari”. Allo spettacolo dell’anno scorso con The Weeknd, secondo un’indagine del Los Angeles Times, i ballerini che sono stati pagati hanno ricevuto 712 dollari per il giorno dello spettacolo e 45 dollari all’ora per le prove, mentre un altro gruppo neanche un centesimo.

Lascia un commento

Related Post