Dopo l’avvicinamento di numerosi brand al Web3, tramite Nft e sbarchi nel metaverso, anche Tiffany ha scelto di approcciare questo settore. Ma la company del lusso americana ha optato per una strada alternativa, opposta rispetto a quelle che sono state le iniziative messe in campo finora. Tiffany, infatti, ha lanciato un progetto tramite cui darà una consistenza fisica agli Nft di CryptoPunks.

Ecco come funziona NFTiffs di Tiffany

L’iniziativa, denominata NFTiffs, è destinata solo ai possessori di CryptoPunks a cui verrà data la possibilità di trasformare il proprio Nft in un ciondolo, realizzato dagli artigiani di Tiffany. Ognuno di questi sarà in oro rosa o giallo 18 carati e sarà composto da almeno 30 pietre.

NFTiffs prevede la trasformazione in ciondoli di soli 250 CryptoPunks, per un massimo di tre per ogni singolo proprietario. Coloro che prenderanno parte al progetto otterranno anche una versione Nft del proprio ciondolo.

Quanto costa un ciondolo CryptoPunks

Ogni ciondolo ha un costo di 30 Eth, la criptomoneta di Ethereum, che al momento vale circa 48.784 euro. Considerando che attualmente il punk meno costoso vale circa 122mila euro, permettersi uno di questi ciondoli costa in totale almeno 170.784 euro.

Cosa sono i CryptoPunks

CryptoPunks, progetto del laboratorio digitale Larva Labs, nato da un’idea degli sviluppatori Matt Hall e John Watkinson, sono Nft che raffigurano personaggi unici e collezionabili. Questi token non fungibili sono in totale 10mila e più concretamente non sono altro che delle immagini di 24×24 pixel.

Lascia un commento

Related Post