Unicredit avvierà la seconda tranche del programma di riacquisto di azioni proprie 2022 per un importo di circa 1 miliardo di euro, portando il totale del riacquisto di azioni proprie 2022 a 3,34 miliardi di euro.

La società inizierà l’operazione non appena sarà completata la prima tranche, di circa 2,34 miliardi di euro (ne abbiamo parlato qui). Nell’ambito della prima tranche, al 16 giugno 2023 Unicredit ha acquistato 111,9 milioni di azioni, pari al 5,77% del capitale sociale, per un corrispettivo complessivo di 2,07 miliardi di euro. L’avvio della seconda tranche riflette la generazione organica di capitale e il Cet1 ratio di primo piano di Unicredit, insieme a una solida posizione di liquidità. Conferma inoltre che l’azienda è in grado di affrontare possibili scenari di stress da una posizione di resilienza e forza.

Insieme al dividendo, questo porta a una distribuzione totale per il 2022 di 5,25 miliardi di euro, o a un rendimento totale del 15%, sottolineando l’impegno di Unicredit a ottenere rendimenti attraenti e sostenibili per gli azionisti, mantenendo al contempo un forte capitale. L’istituto comunicherà i risultati finanziari del 2° trimestre 2023 il 26 luglio 2023.

In occasione dell’ Italian Ceo Conference di Mediobanca, l’ad Andrea Orcel ha ricordato: “UniCredit ha completato circa il 90% della prima tranche del buyback e dopo averla finita nei prossimi giorni partiremo con l’altro miliardo che ci resta”.

Orcel, 2023 sarà ottimo ma nel 2024 e 2025 possiamo fare meglio

Sotto il profilo finanziario, il numero uno della banca di Piazza Gae Aulenti ha spiegato che “il 2023 sarà un anno eccellente” in termini di redditività, “ma possiamo fare altrettanto o meglio nel 2024 e nel 2025. Al momento direi che i segni per il resto dell’anno sono molto più positivi di quanto fossero” qualche mese fa.

Lascia un commento

Related Post