Unicredit ha concluso un accordo con Credit Factor e con un veicolo di cartolarizzazione gestito da Kruk per la cessione pro-soluto di un portafoglio di crediti in sofferenza derivanti da contratti di credito chirografario a clientela del segmento privati.

Il portafoglio comprende esclusivamente crediti derivanti da contratti di finanziamento regolati
dal diritto italiano per un ammontare complessivo – al lordo delle rettifiche di valore – di circa
90 milioni di euro. L’impatto economico della cessione verrà recepito nel bilancio del quarto trimestre 2022.

Unicredit e Kruk hanno anche raggiunto un accordo per la cessione di un ammontare fino a 460 milioni di euro di crediti derivanti da contratti di credito al consumo classificati a sofferenza a partire dal primo trimestre 2023 fino alla fine del 2024. L’accordo costituisce parte dell’attuale strategia di Unicredit di riduzione delle esposizioni deteriorate.

L’operazione con Itaca

L’operazione annunciata oggi si aggiunge a quella di giugno quando la banca guidata da Andrea Orcel ha chiuso la vendita di un pacchetto di non performing loans da 1,1 miliardi di euro alla società veicolo Itaca. La cessione è avvenuta attraverso un’operazione di cartolarizzazione strutturata da Unicredit Bank quale sole arranger e preparata nel rispetto dei requisiti dettati dalla legge Gacs (Garanzia sulle Cartolarizzazioni delle Sofferenze) al fine di poter richiedere la garanzia statale per la nota senior, che sarebbe la quinta per il gruppo di Piazza Gae Aulenti.

Nel dettaglio, il portafoglio è composto da crediti ipotecari e chirografari. Itaca ha emesso tre classi di titoli: 125 milioni senior, 26 milioni mezzanine e 4 milioni junior. Le note senior hanno ricevuto da Moody’s un rating Baa2 e da Scope BBB.  Unicredit ha accettato un’offerta vincolante per la vendita del 95% delle note mezzanine e junior a un’istituzione finanziaria non appartenente al Gruppo UniCredit, mentre riterrà il 5% in qualità di originator come net economic interest richiesto dalla normativa di riferimento.

Lascia un commento

Related Post