Fund manager of the year è Giovanna Della Posta, amministratore delegato di Invimit. È uno dei premi consegnati nella terza edizione di Women in Finance 2020 Italy Awards, organizzato da Ambasciata britannica, Freshfields Bruckhaus Deringer e Lener & Partners, in collaborazione con Borsa Italiana, e celebrato oggi 26 novembre dopo un rinvio a causa della pandemia.

Tra gli altri riconoscimenti, Insurer of the year è l’amministratore delegato di Allianz partners, Paola Corna Pellegrini, mentre Zurich insurance group Italia vince quello di Champion of Diversity Employer.

La premiazione, tenutasi a Milano, a Palazzo Mezzanotte, punta a riconoscere e valorizzare il contributo del talento femminile nel mondo della finanza. L’obiettivo, infatti, è quello di promuovere la consapevolezza della parità di genere e premiare l’eccellenza femminile in un settore tradizionalmente caratterizzato da una forte presenza e leadership maschile, facendo emergere modelli positivi e dando visibilità alle donne che ricoprono posizioni apicali e rappresentano un modello per le generazioni più giovani.

 

Le vincitrici

Giovanni della Posta (nella foto di copertina) vincitrice del premio Fund manager of the year da gennaio 2019 è alla guida di Invimit in qualità di amministratore delegato. Negli ultimi anni ha guidato progetti di turnaround nei campi assicurativo e immobiliare, affiancando le società nel ripensare i propri modelli di business per orientarli alla crescita e allo sviluppo sostenibile. Laureata in Economia, dopo un master in Economia e finanza ha conseguito nel 2016 un General management program ad Harvard business school di Boston. Nel 2012 ha vinto il premio Marisa Bellisario “Donne: l’Italia che vogliamo”, riconoscimento dedicato alle donne che si sono distinte in ambito manageriale, scientifico, economico e sociale a livello nazionale e internazionale.

Paola Corna Pellegrini (nella foto sotto), ceo di Allianz partners, si aggiudica il premio di Insurer of the year. Con una carriera più che trentennale in diversi settori, dai beni di consumo ai servizi, dal farmaceutico alle assicurazioni, in aziende multinazionali e famigliari, iniziando nel marketing e nelle vendite, ha ricoperto negli ultimi 16 anni ruoli apicali di general manager e Ad. Dal 2018 è presidente del Comitato scientifico di Winning Women Institute e dal 2019 vice presidente del Forum della Meritocrazia. È ideatrice del premio Valeria Solesin, realizzato con il Forum della Meritocrazia, dedicato alla promozione del talento femminile in ambito accademico e professionale.

Paola Corna Pellegrini, ceo di Allianz partners

Woman in fintech of the year è Liliana Fratini Passi (nella foto sotto), direttore generale di Cbi Scpa. Inserita nella classifica di Forbes Italia tra le 100 Donne vincenti del 2021 e tra le “Inspiring fifty Italy” è specializzata in ambito domestico e internazionale di pagamenti elettronici, open finance, fintech e transaction banking. Ricopre molteplici incarichi anche internazionali, tra cui consigliere indipendente di società quotata in borsa, vice presidente Un/cefact (Centro delle Nazioni Unite per la facilitazione degli scambi commerciali e il business elettronico) ed è rappresentante italiano di Iso Tc68 Financial services e Iso20022.

Liliana Fratini Passi, direttore generale di Cbi Scpa

Alessandra Genco (nella foto sotto), chief financial officer di Leonardo si aggiudica il premio di Cfo of the year. Laureata in Economia all’Università Luiss Guido Carli di Roma, ha conseguito un Mba presso la Stanford graduate school of business (California, Usa). Ha lavorato per Goldman Sachs a New York, dove ha ricoperto il ruolo di vice presidente della divisione investment banking, guidando operazioni di finanza straordinaria per aziende e fondi di private equity. Prima di assumere l’incarico attuale in Leonardo, Genco ha ricoperto diverse posizioni tra cui quella di vice president group finance, responsabile capital markets, tesoreria, investimenti e assicurazioni e responsabile investimenti e portfolio evaluation.

Alessandra Genco, chief financial officer di Leonardo

Premio Banker of the Year è Anna Tavano, head of global banking di Hsbc continental Europe, Italy. Laureata in Economia e finanza all’Università di Roma “La Sapienza” vanta più di 24 anni di esperienza lavorativa nelle istituzioni finanziarie con sede a Londra e Milano. Prima di entrare in Hsbc, è stata amministratore delegato di Citigroup nella divisione corporate e investment banking, vice presidente per la Corporate Bank in Italia e responsabile del settore pubblico, coprendo grandi aziende e clienti del settore pubblico. Ha iniziato la sua carriera in Citi a Londra nel 1997. Dal 2000 ha lavorato nella divisione Fixed Income – Capital Markets a capo del team di origination ed execution per un’ampia gamma di operazioni di finanza per istituzioni finanziarie, aziende e governi centrali nel sud Europa. È stata direttore generale nel settore pubblico italiano, responsabile del dipartimento infrastrutture e trasporti pubblici per la Regione Lombardia, dove ha gestito oltre 140 persone.

Anna Tavano, head of global banking di Hsbc continental Europe, Italy

Con il 50% di donne che compongono la popolazione aziendale e nove dei 16 ruoli chiave dell’azienda ricoperti da donne, Zurich insurance group, compagnia assicurativa in Italia dal 1872, si aggiudica infine il premio di Champion of Diversity Employer. Dall’omogeneità nel trattamento retributivo tra uomini e donne e l’iniziativa Women innovation network (che si occupa di favorire la piena valorizzazione e rappresentazione della donna nel mondo lavorativo di oggi) all’attività di coaching e mentoring con un programma dedicato allo sviluppo della leadership femminile e ai colloqui di accompagnamento prima e dopo il periodo di maternità, Zurich si è fatta più volte promotrice di diverse attività a supporto della diversità.

Partecipanti e ospiti d’onore

Aperta da Raffaele Jerusalmi, ceo di Borsa Italiana, la premiazione sarà moderata da Fulvio Giuliani, giornalista e direttore del quotidiano La Ragione.

Presente all’evento anche Beatrice Venezi, direttore ospite principale della Orchestra della Toscana, direttore principale della Orchestra Milano classica e della Nuova orchestra Scarlatti giovane, nonché membro del Consiglio femminile di affari culturali tenuto dal Vaticano per il triennio 2019-2021. Una delle poche donne a dirigere orchestre di fama mondiale come l’Orchestra del Teatro La Fenice, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e la New Japan Philharmonic.

Ad intervistare Venezi saranno Barbara Stefanelli, vice direttrice vicaria del Corriere della Sera e fondatrice del blog del Corriere, la 27esima Ora, e Maria Silvia Sacchi, giornalista del Corriere della Sera, esperta di imprese familiari, industria della moda e governance.

Lascia un commento

Ultime News